13 (Thirteen) – Megadeth

13 (Tredici) è la traccia numero tredici e quella che chiude il tredicesimo album dei Megadeth, TH1RT3EN/Thirteen pubblicato il primo novembre del 2011.

Formazione Megadeth (2011)

  • Dave Mustaine – voce, chitarra
  • Chris Broderick – chitarra
  • Dave Ellefson – basso
  • Shawn Drover – batteria

Traduzione 13 – Megadeth

Testo tradotto di 13 (Mustaine, Johnny K) dei Megadeth [Roadrunner]

13

Thirteen times
I went to the well
To draw my thoughts,
I’ll gather and tell
Like bricks that
I’ve laid to build my life
Those that crumbled
only caused me strife

Thoughts became words,
cast into the sea
But they returned,
always haunting me
Like a severed arm
washed up on the shore
I just don’t think
I can give anymore

Because I’ve lived,
how many times do I have to die?
Because I’ve lived,
how many lives do I have to die?

Thirteen times and
it’s been lucky for me
After everything,
you still want me to bleed
Thirteen ways to see
the devil in my eyes
Because I stood
here thirteen times
and I’m still alive

At thirteen I started
down this path
Fueled with anger,
music was my wrath
Years of clawing at scars
that never healed
Drowning my mind,
the thoughts are too real

I can’t get out;
I can’t jump out
Too much to face;
I can’t erase

Tredici

Tredici volte
sono andato alla sorgente
ad attingere i miei pensieri,
li comprenderò e li racconterò
Come i mattoni che ho posato
per costruire la mia vita
Quelli che si sono sbriciolati
mi hanno solo causato conflitti

I pensieri divennero parole,
buttate nel mare
ma sono ritornati,
sempre per ossessionarmi
come un ramo spezzato
portato a riva
non credo proprio
di poter dare di più

Perché ho vissuto,
quante volte devo morire?
Perché ho vissuto,
quante vite devo morire?

Tredici volte ed
è stata una fortuna per me
Dopo tutto,
vuoi ancora farmi sanguinare
Tredici modi per vedere
il diavolo nei miei occhi
Perché sono stato
qui tredici volte
e sono ancora vivo

A tredici anni ho
iniziato questo cammino
Alimentato di rabbia,
la musica era la mia furia
Anni di graffi a cicatrici
che non sono mai guarite
inondano la mia mente,
i pensieri sono troppo reali

Non posso uscirne,
non posso saltarne giù
Troppo da affrontare,
non posso cancellarlo

Tags:, - 1.518 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .