A season in the sky – Neurosis

A season in the sky (Una stagione nel cielo) è la traccia numero sei dell’ottavo album dei Neurosis, The Eye of Every Storm, pubblicato il 28 giugno del 2004.

Formazione Neurosis (2004)

  • Steve von Till – voce, chitarra
  • Scott Kelly – voce, chitarra
  • Dave Edwardson – basso
  • Jason Roeder – batteria
  • Noah Landis – organo, piano, synth
  • Josh Graham – visual media

Traduzione A season in the sky – Neurosis

Testo tradotto di A season in the sky dei Neurosis [Relapse]

A season in the sky

I had a vision last night,
my god was glowing
There was another bridge on fire
And the last wrecks were counted
The sky opened and the blood flowed
A distant cancerous season was upon me
I had a hook in my back
and a light to guide me
My words were useless again

The leftovers were playing
with my memories of love
I screamed at my god and he let me go
I drifted silently to the desert
and began to pray
I came to a pile of ashes
and sifted through it looking for teeth
A snake spoke through me again
But I could not heal their wounds

I’m searching for the old spirit of war
With my rough hands and a sharp knife
I need something to cut into so
that my god can see me again

To be right again
To see my shadow alone
To get back to the hook a let
the light burn in my soul

All I’ve seen walking
through the fire
The figures in my dreams
Run back on me
in a psychic scar
As I ride to the dawn

Una stagione nel cielo

Ebbi una visione l’altra notte,
il mio Dio stava ardendo
C’era un altro ponte in fiamme
E le ultime rovine sono state contate
Il cielo si aprì e il sangue sgorgò
Una distante stagione cancerosa era su di me
Avevo un uncino dietro di me
e una luce come guida
Le mie parole erano di nuovo inutili

I sopravvissuti giocavano
con i miei ricordi d’amore
Urlai al mio Dio e Lui mi lasciò andare
Andai silenziosamente alla deriva verso il deserto
e iniziai a pregare
Arrivai ad un mucchio di ceneri
e iniziai a setacciare alla ricerca di denti
Un serpente parlava attraverso di me, di nuovo
Ma non ho potuto curare le loro ferite

Sto cercando il vecchio spirito della guerra
Con le mie robuste mani e un coltello affilato
Ho bisogno di qualcosa da tagliare
cosicché Dio possa vedermi ancora

Per aver ragione ancora
Per vedere la mia ombra sola
Per ritornare all’uncino e lasciare
che la luci bruci nella mia anima

Tutto ciò che ho visto camminare
attraverso il fuoco
Le figure nei miei sogni
Correvano indietro da me
in una cicatrice psichica
Come io cavalco verso l’alba

* traduzione inviata da Andrea Marino

Tags: - 123 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .