Aesthetics of hate – Machine Head

Aesthetics of hate (Estetica dell’odio) è la traccia numero tre ed il primo singolo del sesto album in studio dei Machine Head, The Blackening, pubblicato il 26 marzo del 2007. Aesthetics of Hate è una ferrea risposta di Robert Flynn e Adam Duce allo scrittore William Grim che, in un articolo chiamato “Aesthetics of Hate: R.I.P. Dimebag Darrell, goodbye & good riddance”, aveva insultato Dimebag Darrell (ucciso da uno squilibrato durante un concerto del suo gruppo, i Damageplan) e tutta la comunità metal, definendola “squallida”, “inumana” e “ignorante”.

Formazione Machine Head (2007)

  • Robert Flynn – voce, chitarra
  • Phil Demmel – chitarra
  • Adam Duce – basso
  • Dave McClain – batteria

Traduzione Aesthetics of hate – Machine Head

Testo tradotto di Aesthetics of hate (Flynn, Duce) dei Machine Head [Roadrunner]

Aesthetics of hate

Oh, you tried to spit in the eye
of a dead man’s face
Attacked the ways of a man
not yet in his grave
But your hate was over all too soon
Because nothing is over,
Nothing’s through
‘Til we bury you

For the love of brother
I will sing this fucking song
Aesthetics of hate
I hope you burn in hell,
Go!

Oh, the words I read on the screen
left me fucking sick
I felt the hatred rising,
you son of a bitch
You branded us pathetic
for our respect
But he made us driven,
Deep reverence far beyond the rest

For the love of brother
I will sing this fucking words
Aesthetics of hate
I hope you burn in hell

Oh, long live memories
Live his freedom vicariously
Defend tenfold
His honor we’ll always uphold

For the love of brother
I will say these fucking words
No silence against ignorance
Iconoclast,
I hope you burn,
Burn in hell

May the hands of God strike them down
May the hand of God strike them down
May the hand of God strike them down
May the hand of God strike them, strike them

May the hands of God strike them down
May the hands of God strike them down
May the hands of God strike them down
May the hands of God strike them

Estetica dell’odio

Oh, provasti a lanciare il tuo sputo nell’occhio
del volto d’un uomo ormai cadavere
Assediasti le vie di fuga d’un uomo
che ancora non era destinato alla tomba
Ma troppo in anticipo sui tempi cessò il tuo livore
Poichè niente ha una fine,
Niente si cela negli intermezzi
Sino a che non ti seppelliamo

Per l’amore fraterno
Intonerò questa fottuta canzone
Estetica dell’odio
Spero tanto tu bruci negl’inferi,
Vacci!

Oh, le parole che lessi sullo schermo
mi lasciarono disgustato
Percepivo un disprezzo rigurgitante,
luridissimo figlio di puttana
Ci etichettasti come patetici in favor
del nostro semplice rispetto
Ma costui ci diede un’ottima motivazione
Una recondita venerazione ben oltre la quiete

Per l’amore fraterno
Intonerò questa fottuta canzone
Estetica dell’odio
Spero tanto tu bruci negl’inferi

Oh, lunga vita ai ricordi
Vivano in vece d’altri la loro emancipazione
Abbiano un potere difensivo di dieci a uno
Sempre confermeremo la sua moralità

Per l’amore fraterno
Pronunzierò queste fottutissime sillabe
Nessun tacito diniego contro l’ignoranza
Iconoclasta,
Spero tu ti sciolga fra le fiamme,
Brucia diritto all’inferno

Possano le mani di Dio abbatterli
Possa la mano di Dio abbatterli
Possa la mano di Dio abbatterli
Possa la mano di Dio punirli, punirli

Possano le mani di Dio abbatterli
Possano le mani di Dio abbatterli
Possano le mani di Dio abbatterli
Possano le mani di Dio punirli

* traduzione inviata da Stefano Quizz

Tags: - 951 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .