Amerika the brutal – Six Feet Under

Amerika the brutal (Amerika la brutale) è la traccia numero due del quinto album dei Six Feet Under, Bringer of Blood, pubblicato il 23 settembre del 2003.

Formazione Six Feet Under (2003)

  • Chris Barnes – voce
  • Steve Swanson – chitarra
  • Terry Butler – basso
  • Greg Gall – batteria

Traduzione Amerika the brutal – Six Feet Under

Testo tradotto di Amerika the brutal dei Six Feet Under [Metal Blade]

Amerika the brutal

I’d rather die
than to live in this fucked world.
Mr. President,
I’m not here to do your dirty work.
Alone,
I think I’m fighting a losing battle.
Worth dying,
not for oil.

No war!
No war!
No war!
No war!

Amerika, Amerika…
Amerika, Amerika…
Amerika, Amerika…
Amerika the brutal.

Listen, it’s a fucking joke.
and they make you believe it on the TV.
That’s how they deceive you.
I watch and I listen
and I question their reasons.
You know what?
I don’t fuckin’ believe ‘em!

No war!
No war!
No war!
No war!

Amerika, Amerika…
Amerika, Amerika…
Amerika, Amerika…
Amerika the brutal.

When I want to know the future,
I look into the past.
I think of my best friend
and his stories of Vietnam.
And now I got a cousin
fighting in Iraq
and I want her coming back.

I’m not afraid to speak my own mind.
I don’t use the first amendment
to hide behind.
I’m guaranteed that freedom.
I’m born with that right
and for that I’m ready to fight.
Ready to fight!

I’d rather die
than to live in this fucked world.
Fake president,
I’m not here to do your dirty work.
Alone,
I think I’m fighting this losing battle.
Worth dying,
not for oil.

No war!
No war!
No war!
No war!

Amerika, Amerika…
Amerika, Amerika…
Amerika, Amerika…
Amerika, Amerika…
The brutal!

Amerika la brutale

Preferisco di certo morire
che vivere in questo mondo fottuto.
Sig. Presidente,
non sono qui per fare il tuo lavoro sporco.
Solo,
penso di lottare una battaglia persa.
Vale la pena morire,
ma non per il petrolio.

Basta guerra!
Basta guerra!
Basta guerra!
Basta guerra!

Amerika, Amerika…
Amerika, Amerika…
Amerika, Amerika…
Amerika la brutale.

Ascolta, è una fottuta presa per il culo
e quelli te lo fanno credere in TV.
Ecco come t’ingannano.
Io osservo e tendo l’orecchio
e chiedo quali sono le loro ragioni.
Sai cosa?
Io non credo a nessuna loro fottutissima parola!

Basta guerra!
Basta guerra!
Basta guerra!
Basta guerra!

Amerika, Amerika…
Amerika, Amerika…
Amerika, Amerika…
Amerika la brutale.

Quando voglio conoscere il futuro,
volgo il mio sguardo al passato.
Penso al mio migliore amico
e alle sue storie sul Vietnam.
Ed ora ho una cugina
che combatte in Iraq
ed esigo che ritorni indietro.

Non temo di esprimere la mia opinione.
Non uso il primo emendamento
per nascondermici dietro.
Mi è stata assicurata quella libertà.
Io sono nato con quel diritto
e sono pronto a lottare per esso.
Pronto a lottare!

Preferisco di certo morire
che vivere in questo mondo fottuto.
Falso presidente,
non sono qui per fare il tuo lavoro sporco.
Solo,
penso di lottare una battaglia persa.
Vale la pena morire,
ma non per il petrolio.

Basta guerra!
Basta guerra!
Basta guerra!
Basta guerra!

Amerika, Amerika…
Amerika, Amerika…
Amerika, Amerika…
Amerika, Amerika…
La brutale!

* traduzione inviata da Stefano Quizz

Tags: - 84 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .