And their eulogies sang me to sleep – The Agonist

And their eulogies sang me to sleep (E i loro elogi mi cantavano per dormire) è la traccia numero due ed il primo singolo del secondo album dei The Agonist, Lullabies for the Dormant Mind, pubblicato il 23 febbraio del 2009. [♫ video ufficiale ♫]

Formazione The Agonist (2009)

  • Alissa White-Gluz – voce
  • Danny Marino – chitarra
  • Chris Kells – basso
  • Simon McKay – batteria

Traduzione And their eulogies sang me to sleep – The Agonist

Testo tradotto di And their eulogies sang me to sleep (White-Gluz, Marino, Kells, McKay) dei The Agonist [Century]

And their eulogies sang me to sleep

All I heard was the sound
of fish who’d drowned.
All I saw was
the inside of my eyelids.
All I said fell short
of reaching open ears.

Word’s floating, clouding the view…
“See no, hear no, speak no evil”
leave you deaf, dumb and blind,
because the bad is all that you’ll find.
A deeply heart-felt goodbye
to the part of me that dies
when I decided to put others before me,
yes, my heart fell asleep, boredom and fatigue.
I always said I wanted to die smiling,
to pretend I’m at peave.
Now from my corpse beams a frigid,
blank grin and once hopeful eyes
are sunken in.

Like a lullaby to the cradle
is the eulogy to the casket.
All my flaws swept under the table
to grieve the porcelain doll that was me.

Their solemn songs sang me to sleep
as my body escaped me.
Welcome down to the new world!
Happiness is being interred!

Such a shameful masquerade!
Fleeting, frozen minutes on display.
Why is evolution such
a shameful thing to say?
Can you feel your bodily decay?
Arms are beside me, hands open wide.
Seems I was living my life in rewind,
taking so many steps backwards,
not looking behind.
Because I can sure as hell
feel my brain going blank.
If my body betrays me,
this pollution to thank.
This condition infects my cells
like it controls my mind.
Internal army,
defend me behind enemy lines!
Fragile vehicle of mine!
Don’t abandon me yet!
There is so much to live for
that we so easily forget.
Fascination with the fear…
The concept escapes me.
All encompassing fate…
how it wrenches out hearts,
torments our souls
and sings us all to sleep,
to an eternal keep,
no matter what beliefs,
it sweetly sings us all…

E i loro elogi mi cantavano per dormire

Tutto quello che ho sentito è stato il rumore
di un pesce che è affogato.
Tutto quello che ho visto era
l’interno delle mie palpebre.
Tutto quello che ho detto
non riusciva ad essere ascoltato.

La parola sta fluttuando, offuscando la vista…
“Non vedere, non sentire, non parlare del male”
lascia che tu sia sordo, muto e cieco,
perchè il male è tutto ciò che troverai.
Un profondo e commosso addio
alla parte di me che muore
quando ho deciso di mettere gli altri prima di me,
si il mio cuore si è addormentato, noia e fatica.
Ho sempre detto che volevo morire sorridendo,
per fingere di essere in pace.
Ora dal mio cadavere irradia un frigido,
vuoto ghigno, una volta che gli occhi pieni
di speranza ne sono immersi.

Come una ninna nanna per la culla,
è l’elogio alla bara.
Tutti i miei difetti spazzati sotto il tavolo
per addolorare la bambola di porcellana che ero.

Le loro canzoni solenni mi cantavano per dormire
mentre il mio corpo fuggiva da me stessa.
Benvenuto nel nuovo mondo!
La felicità è stata seppellita!

Una simile vergognosa pagliacciata!
ugaci, congelati minuti sul display
Perchè l’evoluzione è una cosa
talmente vergognosa da dire?
Riesci a sentire il tuo decadimento del tuo corpo?
Le braccia sono accanto a me, le mani aperte.
Sembra che vivessi la mia vita in riavvolgimento,
facendo così tanti passi all’indietro,
non guardando dietro.
Perchè io sono certa come l’inferno
di sentire il mio cervello svuotarsi.
Se il mio corpo mi tradisce,
devo ringraziare questo inquinamento.
Questa condizione infetta le mie cellule,
come se controllasse a mia mente.
Un esercito interno,
mi difende dietro le linee nemiche!
Questo fragile veicolo che sono io!
Non mi abbandonare ancora!
C’è ancora tanto per cui vivere
che così facilmente abbiamo dimenticato.
Facino per la paura…
Il concetto mi sfugge
Tutto il destino determinante…
come strappa via i cuori,
tormenta le nostre anime
e canta per tutti noi per farci dormire,
in un mantenimento eterno,
non importa a cosa si crede,
canta dolcemente per tutti noi…

Tags:, - 181 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .