Anymore – Savatage

Anymore (Basta) è la traccia numero undici dell’undicesimo album in studio dei Savatage, The Wake of Magellan, pubblicato il 15 settembre del 1997.

Formazione Savatage (1997)

  • Zachary Stevens – voce
  • Jon Oliva – voce, tastiere
  • Al Pitrelli – chitarra
  • Chris Caffery – chitarra
  • Johnny Lee Middleton – basso
  • Jeff Plate – batteria

Traduzione Anymore – Savatage

Testo tradotto di Anymore (Jon Oliva, Paul O’Neill) dei Savatage [Atlantic]

Anymore

Don’t want to walk upon the water
Don’t want to look across the waves
Instead of seeing hills of water
I just see markers on their graves

But in the fading of a season
To look across an empty sky
For a forgotten childhood reason
To once more wish that you could

Close your eyes and just believe again
There’s a god does he remember when
We were young and faith was not pretend

Anymore
Anymore
Anymore
Anymore

And in the night he sees the ocean
Carve its thoughts upon the shore
For in the way it was created
It can do this and nothing more

And every message it would leave him
The next wave carefully erased
As the tears that passed between them

Were so real that you could
Close your eyes and just believe again
There’s a god and he remembers when
We were young and faith was not pretend

Anymore
Anymore
Anymore
Anymore

And all at once
the waves were getting higher
And as they crashed
I thought I heard them say
There’d be a time
when men would all be wiser
When everyone, everyone,
Yes everyone is
Saved

Basta

Non voglio camminare sull’acqua
Non voglio guardare tra le onde
Invece di guardare colline d’acqua
Vedo solo le scritte sulle loro tombe

Ma adesso che questa stagione se ne sta andando
Ho iniziato ad osservare un cielo vuoto
Perché ho dimenticato la ragione dell’infanzia
E perché spero di poter tornare indietro

Chiudi gli occhi e credici di nuovo
C’è un Dio nel cielo che si ricorda quando
Eravamo giovani e non fingevamo di avere fede

Basta
Basta
Basta
Basta

E di notte lui guarda l’oceano
Traccia i suoi pensieri nelle sabbie della costa
Perché è così che tutto è stato creato
Può fare questo e niente di più

E ogni messaggio che avrebbe lasciato
Sarebbe stato cancellato dalla marea
Mentre le lacrime che piangeva

Sarebbero stato così reali
Chiudi gli occhi e credici di nuovo
C’è un Dio nel cielo che si ricorda quando
Eravamo giovani e non fingevamo di avere fede

Basta
Basta
Basta
Basta

E improvvisamente
le onde si alzarono
Mentre si schiantarono sulla riva
lo sentii dire
Ci sarà un tempo
in cui tutti gli uomini saranno più saggi
Quando tutti, tutti
Sì, tutti
Si salveranno

Tags: - 286 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .