At 30,000 Ft – Queensrÿche

At 30,000 Ft (A diecimila metri) è la traccia numero quattro del decimo album dei Queensrÿche, American Soldier, pubblicato il 31 marzo del 2009.

Formazione Queensrÿche (2009)

  • Geoff Tate – voce
  • Michael Wilton – chitarra
  • Eddie Jackson – basso
  • Scott Rockenfield – batteria

Traduzione At 30,000 Ft – Queensrÿche

Testo tradotto di At 30,000 Ft (Slater, Tate) dei Queensrÿche [Atco]

At 30,000 Ft

Whatever happens now
is beyond my control.
Emotion has abandoned me.
Faded away and left me…cold.
The call’s been made.
I’m here, dependent on the atmosphere
contained inside this mask I wear.
My breathing is all I hear.

I’ve got the target switch in hand.
I just feel numb, scanning the ground
at the hell that I’ll make.
I’m above it in the air.
Flying high above the city walls
as the insurgents run.
Can’t stand their ground
against the hell that ‘ll make.
I’m above it in the air.

I see it all so clear…
at 30,000 feet above the enemy.
No one can see me.
Press execute.
I’ll send the “Pigs” away.
The tortured painful cries
will never fall upon my ears
and never stain my elder years.
My heartbeat is all I’ll feel.

Infrared tracks the land
as the weapons lock.
There’s no defense against
the Hell that I’ll make.
I’m above it in the air. I’m above it.
Moving past the speed of sound,
I won’t see them when
they hit the ground.
No hiding from
the Hell that I make.
I’m above it in the air.
I’m a shadow.

Over the rooftops of the city
the word travels fast
from cell phone to cell phone.
“They demand to see their faces!”
“Of the women…hidden behind the veil?”

Flaming oil blackens the sky.
I don’t know why…their hate
is the reason for the Hell that I make.
I’m above it in the air. I’m above it.
Gazing down at the burning land,
I’m the creator of this new
“Promised Land,” and I wonder.
What the hell did I make?
I’m above it in the air. I’m above it.
What in the hell did I make?

A diecimila metri

Qualunque cosa accada ora
è al di là del mio controllo.
L’emozione mi ha abbandonato
Svanita e mi ha lasciato… indifferente.
È stata effettuata la chiamata.
Sono qui, dipendo dall’atmosfera
contenuta nella maschera che indosso
Il mio respiro è tutto quello che sento.

In mano il pulsante per colpire il bersaglio
Mi sento intorpidito, scruto il terreno
per vedere l’inferno che provocherò
Sono in alto nell’aria
Volo alto sopra le mura della città
mentre gli insorti corrono
Non possono resistere
all’inferno che provocherò
Sono in alto nell’aria

Vedo tutto così chiaro…
a 10.000 metri sopra il nemico
Nessuno può vedermi
Premo il pulsante
Caccerò via i “Maiali”
Le grida dolorose disumane
non saranno mai ascoltate dalle mie orecchie
e non macchieranno più la mia giovinezza
Il battito del cuore è tutto quello che sento

Gli infrarossi segnano la terra
mentre le armi si bloccano
Non c’è difesa contro
l’Inferno che farò.
Sono in alto nell’aria. Sono sopra di esso.
Muovendi oltre la velocità del suono
Non li vedrò quando
cadranno al suolo
Non ci si può nascondere
dall’infernò che provocherò
Sono in alto nell’aria.
Sono un’ombra

Sopra i cieli della città
la parola viaggia veloce
da cellulare a cellulare
“Chiedono di vedere le loro facce!”
“Delle donne… nascoste dietro il velo?”

Petrolio che brucia annerisce il cielo
Non so perché… il loro odio
è il motivo dell’inferno che creo
Sono in alto nell’aria. Sono sopra di esso.
Guardando giù al paese in fiamme,
Io sono il creatore di questa nuova
“Terra Promessa” e mi chiedo
Che diavolo ho fatto?
Sono in alto nell’aria. Sono sopra di esso.
Che diavolo ho fatto?

Tags:, - 44 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .