A.V.H. – Ozzy Osbourne

A.V.H. (Alcoolici, tranquillanti, hashish) è la traccia numero dieci del sesto album di Ozzy Osbourne, No More Tears, pubblicato il 17 settembre del 1991. Il significato di A.V.H. sarebbe “alcohol, valium, hash” (alcoolici, tranquillanti e hashish).

Formazione (1991)

  • Ozzy Osbourne – voce
  • Zakk Wylde – chitarra
  • Bob Daisley – basso
  • Randy Castillo – batteria
  • John Sinclair – tastiere

Traduzione A.V.H. – Ozzy Osbourne

Testo tradotto di A.V.H. (Osbourne, Wylde, Castillo) di Ozzy Osbourne [Epic]

A.V.H.

I get up and I get down
I don’t know how to take it
All the pain makes me scream and shout
I wonder if I’ll make it

I love the feeling
when the magic is just right
There’s no revealing
what is hidden in the night

Riding on a train
that I can’t control
No one else to blame
and I can’t let go

In the darkness I can feel
The things that makes me crazy
Hands of madness cold as steel
I find it quite amazing

Never forsaking what
a dreamer needs to know
Rules meant for breaking
and the seeds I have to sow

Riding on a train
that I can’t control
No one else to blame
and I can’t let go
It’s calling me, It’s calling me
It’s calling me, It’s calling me
I’m riding on a train
that I can’t control

See no evil,
fear no fright
Never lose the living
Keep the targets in your sight
Know the cards you’re dealing

Never forsaking what
a dreamer needs to know
Rules meant for breaking
and I gotta let, I gotta it go

I’m riding on a train
that I can’t control
No one else to blame
and I can’t let go
It’s calling me, It’s calling me
It’s calling me, It’s calling me
I’m riding on a train
that I can’t control

Alcoolici, tranquillanti, hashish

Mi alzo e mi deprimo
Io non so come prenderlo
Tutto il dolore mi fa urlare
Mi chiedo se ce la farò

Mi piace la sensazione
quando la magia è giusta
Non c’è nessuna rivelazioni di
ciò che è nascosto nella notte

Viaggiando su di un treno
che non posso controllare
Nessun altro da incolpare
e non posso lasciar andare

Nell’oscurità posso sentire
le cose che mi fanno impazzire
Mani della follia fredde come l’acciaio
Lo trovo abbastanza sorprendente

Mai abbandonare quello
che un sognatore ha bisogno di sapere
Regole pensate per essere infrante
e semi che devo piantare

Viaggiando su di un treno
che non posso controllare
Nessun altro da incolpare
e non posso lasciar andare
Mi sta chiamando, mi sta chiamando
Mi sta chiamando, mi sta chiamando
Sto viaggiando su di un treno
che non posso controllare

Non vede nessun male
non temo nessun spavento
Mai perdere la vita
Tieni nel mirino i tuoi obiettivi
Conosci le carte che hai in mano

Mai abbandonare quello
che un sognatore ha bisogno di sapere
Regole pensate per essere infrante
e io devo lasciare, devo andare

Viaggiando su di un treno
che non posso controllare
Nessun altro da incolpare
e non posso lasciar andare
Mi sta chiamando, mi sta chiamando
Mi sta chiamando, mi sta chiamando
Sto viaggiando su di un treno
che non posso controllare

Tags: - 234 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .