Beneath the surface – Dream Theater

Beneath the surface (Sotto la superficie) è la nona e ultima traccia dell’undicesimo album dei Dream Theater, A Dramatic Turn of Events pubblicato il 13 settembre del 2011.

Formazione Dream Theater (2011)

  • James LaBrie – voce
  • John Petrucci – chitarra
  • John Myung – basso
  • Mike Mangini – batteria
  • Jordan Rudess – tastiere

Traduzione Beneath the surface – Dream Theater

Testo tradotto di Beneath the surface (Petrucci) dei Dream Theater [Roadrunner]

Beneath the surface

Is there ever really a right time
You had led me to believe
Someday you’d be there for me

When the stars above aligned
When you weren’t so consumed
I kept looking for the clues

So I waited in the shadows of my heart
And still the time was never right

Until one day I stopped caring
And began to forget why
I longed to be so close
And I disappeared into the darkness
And the darkness turned to pain
And never went away
Until all that remained
Was buried deep beneath the surface

A shell of what things
could have been
Tired bones beneath a veil
of guarded secrets all too frail
Sad to think I never knew
You were searching for the words
For the moment to emerge

Yet the moment never came
You couldn’t risk my fragile frame

Until one day you stopped caring
And began to forget why
you tried to be so close
And you disappeared into the darkness
And the darkness turned to pain
And never went away
Until all that remained
Was buried deep beneath the surface

I would scream just to be heard
As if yelling from the stars
I was bleeding just to feel

You would never say a word
Kept me reaching in the dark
Always something to conceal

Until one day I stopped caring
And began to forget why
I longed to be so close
And I disappeared into the darkness
And the darkness turned to pain
And never went away
Until all that remained
Was buried deep beneath the surface

Sotto la superficie

C’è mai un momento davvero giusto?
Mi hai portato a credere che
Un giorno saresti stata quì per me

Quando le stelle al di sopra si sarebbero allineate
Quando non saresti stata così consumata
Ho continuato a cercare degli indizi

Così ho aspettato nelle ombre del mio cuore
E ancora il momento non era quello giusto

Finché un giorno ho smesso di preoccuparmene
E ho iniziato a dimenticare perché
volevo tanto esserti così vicino
E sono scomparso nell’oscurità
E l’oscurità si è trasformata in dolore
E non è mai andata via
Finché tutto quello che era rimasto
È stato sepolto in profondità sotto la superficie

Un guscio di come sarebbero
potute essere le cose
Ossa stanche sotto un velo
di segreti ben custoditi, tutto troppo fragile
È triste pensare che non ho mai saputo
Che stessi cercando le parole
per il momento di emergere

Eppure il momento non è mai arrivato
Avresti potuto rischiare la mia fragile struttura

Finché un giorno hai smesso di preoccuparmene
E hai iniziato a dimenticare
perché cercavi di essere così vicino
E sei scomparso nel buio
E l’oscurità è diventata dolore
E non è mai andata via
Finché tutto quello che era rimasto
È stato sepolto in profondità sotto la superficie

Vorrei urlare solo per essere ascoltato
Come se stessi gridando dalle stelle
Stavo sanguinando solo per provare sentimenti

Tu non avresti mai detto una parola
Continuavi a raggiungermi al buio
Sempre qualcosa da tener segreto

Finché un giorno ho smesso di preoccuparmene
E ho iniziato a dimenticare
perché volevo esserti così vicino
E sono scomparso nel buio
E l’oscurità è diventata dolore
E non è mai andato via
Finché tutto quello che era rimasto
È stato sepolto in profondità sotto la superficie

Tags:, - 2.581 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .