Cthulhu dawn – Cradle of Filth

Cthulhu dawn (L’alba di Chtulu) è la traccia che apre, dopo l’intro At The Gates Of Midian, il quarto album dei Cradle of Filth, Midian, pubblicato il 31 ottobre del 2000.

Formazione Cradle of Filth (2000)

  • Dani Filth – voce
  • Paul Allender – chitarra
  • Gian Pyres – chitarra
  • Robin Eaglestone – basso
  • Adrian Erlandsson – batteria
  • Martin Powell – tastiere

Traduzione Cthulhu dawn – Cradle of Filth

Testo tradotto di Cthulhu dawn (Filth) dei Cradle of Filth [Music for Nations]

Cthulhu dawn

Cthulhu dawn

Spatter the stars
Douse their luminosity
With our amniotic retch
Promulgating the birth
Of another Hell on Earth
Shadows gather
poisoned henna for the flesh
A necrotic cattle brand
The hissing downfall pentagram
Carven deep upon
the church doors of the damned
But no Passover is planned
A great renewal growls at hand
And only when they’re running
Will they come to understand…

So ends the pitiful reign of Man

When the moon exhales
Behind a veil
Of widowhood and clouds
On a Biblical scale
We raise the stakes
To silhouette the impaled crowds…

Within this kissed disembowel arena
A broken seal
on an ancient curse
Unleashes beasts
from the seismic breach
With lightning reach
and genocidal thirst
Mountains of archaos theories
In collision as at planetary dawn
Apocalypse’s razorbacks
Beat wings on glass
as thunder cracks
Unfurled across a world
hurled to the black

Cthulhu dawn

Shatter the glass house
Wherein spirits breathe out
Halitosis of the soul
From a recking abscess
Plague of far righteousness
All fates hang in the balance
Mocking crucified dolls
An inquisition outs
When the Sun goes out our powers
Will extend throughout
Heaven like Asphodel
As they have for countless lustrum
In dark Midian accustoned
To burning effigies of our enemies well

So begins the sibilant
world Death knell…

When a corpse wind howls
And awakes from drowse
The scheming dead freed
Of gossamer shrouds
We gorgonise eyes
Of the storm aroused
Red…

Blinding time
All lines dine on this instance
A melting spool of beggar,
negative frames
The skies teem alive,
to watch die
Mankind hauled to fable
in vast tenement graves…

Cthulhu dawn

L’alba di Chtulu

L’alba di Chtulu

Le stelle stanno crepitando
E noi gettiamo sulla loro luminosità
I nostri conati di vomito amniotico
Promulghiamo la nascita
Di un altro inferno sulla Terra
Le ombre si radunano,
un henné avvelenato per la carne
Il sibilante pentagramma
È un marchio necrotico per il bestiame
È inciso sulle porte
della chiesa dei dannati
Ma non è stata prevista nessuna Pasqua ebraica
Un grande cambiamento si sta avvicinando
E solo quando tutti inizieranno a scappare
Cominceranno a capire…

E così finirà questo pietoso regno dell’uomo

Quando la luna esalerà il suo ultimo respiro
Dietro un velo
Fatto di vedovanza e di nuvole
Su una scala biblica
Alzeremo i pali
Per esibire le persone impalate…

Dentro quest’arena baciata e sventrata
È stato spezzato il sigillo
di un’antica maledizione
Che ha liberato le bestie
dalla loro inadempienza sismica,
Le ha fatte raggiungere dal fulmine
e gli ha fatto venire sete di genocidio
Montagne come predetto da arcane teorie,
Stanno collidendo come all’alba dei tempi
I cinghiali dell’apocalisse
Sbattono le al sul vetro
come il crepitio di un tuono
E si spiegano sopra un mondo
che è stato scagliato nell’oscurità

È l’alba di Chtulu…

Distruggiamo la casa di vetro
Dalla quale vengono emessi gli spiriti
L’anima si ammala di alitosi
A causa di un ascesso del quale non si curava
Questa è la piaga della rettitudine
Tutti i destini sono in un equilibrio precario
E noi deridiamo le bambole crocifisse
Una nuova inquisizione nascerà
Quando il sole cadrà sotto la nostra potenza
Si diffonderà attraverso
il paradiso come fece Asphodel
E intanto loro si abitueranno a tutto ciò
Con il passare dei lustri nell’oscuro Midian
Sotto le brucianti effigi dei nostri nemici

E così iniziò il mondo sibilante al quale
si inginocchiò persino la Morte…

Quando un cadavere ulula nel vento
E si risveglia dal suo sonno
I morti vengono liberati secondo uno schema
Dai loro veli fatti di ragnatela
E i nostri occhi sono come quelli della Gorgona
Da tutto ciò nasce una tempesta
Una rossa…

Il tempo può accecare
Tutte le linee si basano su quest’affermazione
Una pellicola fusa fatta di fotogrammi
e di negativi mostra un vagabondo
I cieli stanno diluviando,
e osservano la morte
Della razza umana, che diventerà solo una favola
raccontata nelle vaste fosse comuni…

È l’alba di Chtulu…

Tags: - 152 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .