Cyberwaste – Fear Factory

Cyberwaste (Cyberscorie) è la traccia numero due del quinto album in studio dei Fear Factory, Archetype pubblicato il 19 aprile del 2004.

Formazione Fear Factory (2004)

  • Burton C. Bell – voce
  • Christian Olde Wolbers – chitarra
  • Byron Stroud – basso
  • Raymond Herrera – batteria

Traduzione Cyberwaste – Fear Factory

Testo tradotto di Cyberwaste (Bell, Herrera, Wolbers) dei Fear Factory [Tribute Sounds]

Cyberwaste

Nothing you say
matters to us!
Nothing you say
matters to us!
Fuck you!

Spread your word this point of you
And connect the machine
Goddamned words,
ocean of lies
Taunting you to deceive

Nothing you say
matters to us!
Nothing you say
matters to us!

You are a virus
spreading disease
Your life is so sad
spreading lies of hate

Nothing you say
matters to us!
Nothing you say
matters to us!
Fuck you!

So you’ll seize up
in your lies you
Tell up at the site
Sees you, signals
and hate me to stand
Me with your lies

You are a virus
spreading disease
Your life is so sad
spreading lies of hate

Reap what you sow
Your words are shit

You are a virus
spreading disease
Your life is so sad
spreading lies of hate

Awesome that
you know my thoughts
(All I want to do is see)
Made back screen with your disease
(Tapping only on the keys)
Change your face in front of me
Wishing that you knew the truth
(All I know is what I read)

Nothing you say
matters to us!

Cyberscorie

Nulla di ciò che professi
può importarci qualcosa!
Nulla di ciò che professi
può importarci qualcosa!
Fottiti!

Vomita sentenze su una tua data caratteristica
E collega i cavi alla macchina
Dannatissime delibere vacue,
vasto oceano di menzogne
Che ti dileggiano all’inganno

Nulla di ciò che professi
può importarci qualcosa!
Nulla di ciò che professi
può importarci qualcosa!

Tu sei l’infezione
che amplia la pandemia
La tua esistenza è talmente mesta
che sprigiona fallaci ingiurie d’odio

Nulla di ciò che professi
può importarci qualcosa!
Nulla di ciò che professi
può importarci qualcosa!
Fottiti!

Ergo limiterai il tuo ego
nel recinto delle tue menzogne
Sputa il rospo sul posto
Ti vede, messaggi
e disprezzo nei miei confronti
Tale da darmi un appoggio alle tue fandonie

Tu sei l’infezione
che amplia la pandemia
La tua esistenza è talmente mesta
che sprigiona fallaci ingiurie d’odio

Mieti ciò che hai seminato
Tutto ciò che dici è sterco

Tu sei l’infezione
che amplia la pandemia
La tua esistenza è talmente mesta
che sprigiona fallaci ingiurie d’odio

Mi risulta fantastico sapere
che tu sei conscio dei miei pensieri
(Tutto ciò che voglio fare è vedere)
Plasmati dietro schermi appestati dal morbo
(Incidendo unicamente sulle chiavi)
Dinanzi a me cambia espressione
Desiderando di poter apprendere la verità
(Tutto ciò che so è quello che ho letto)

Nulla di ciò che professi
può importarci qualcosa!

* traduzione inviata da Stefano Quizz

Tags: - 172 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .