Dark avenger – Manowar

Dark avenger (Vendicatore nero) è la traccia numero sei dell’album d’esordio dei Manowar, Battle Hyms, uscito nell’agosto del 1982. La voce narrante della canzone Dark Avenger è del regista Orson Welles (nella riedizione del 2010 di Sir Christopher Lee).

Formazione dei Manowar (1982)

  • Eric Adams – voce
  • Ross the Boss – chitarra
  • Joey DeMaio – basso
  • Donny Hamzik – batteria

Traduzione Dark avenger – Manowar

Testo tradotto di Dark avenger (DeMaio, Ross the Boss) dei Manowar [Liberty Records]

Dark avenger

He broke the laws of the elders
So they plucked out his eye,
Took his land and fortune,
Left him to die

Bound on the shoreline,
Left for the tide,
Sees his life-blood leaving…
Circling lower, the vultures fly

His bones may be broken
But the spirit can’t die
And the Gods see his anguish
And give him a sign

From the floor of the ocean
The ship of the lost souls rise
And they take him
where no one sleeps
while the undead cry
Where no one sleeps
while the undead cry

And in the world above
The elders sing,
On his land they live…
Let death’s bell ring

He was met at the gate of Hades
By the Guardian of the Lost Souls,
The Keeper of the Unavenged
And He did say to him:
“Let ye not pass Abaddon
Return to the world from whence you came
And seek payment
Not only for thy known anguish
But to vindicate the souls of the Unavenged”

And they placed in his hands a sword
Made for him, called: Vengeance
Forged in brimstone
And tempered by the woeful tears
of the Unavenged
And to carry him up on his journey
Back to the upper world
They brought forth their Demon horse
Called: Black Death
A grim steed so fiercely might
And black in colour
That he could stand as one: Darkness…
Save from his burning eyes of crimson fire

And on that night
They rode up from Hell
The pounding of his hooves
Did clap like thunder!

Burning, death, destruction
Raping the daughters and wives
In blood I take my payment
In full with their lives

No one can escape me
On Black Death I ride
When kissed by
the sword of vengeance
Your head lays there by your side
I take the lives of all
that I once knew
The torn flesh of a slow death
waits for you

Burning, death, destruction
Raping the daughters and wives
In blood I take my payment
In full with their lives

I spare not land or servants
My wake is smoke and flame
I take their wives and daughters
They stand there watching, watching
Hoping to get my life
But when I’m through
they know that they must pay

Burning, death, destruction
Raping the daughters and wives
In blood I take my payment
In full with their lives
With their lives
With their lives
With their lives

Vendicatore nero

Ha infranto le leggi degli anziani
E così gli strapparono gli occhi
Presero la sua terra e le sue ricchezze
Lasciandolo a morire

Incatenato agli scogli
Lasciato al riflusso della marea
Vedendo la sua vita che lo lascia
Volando in circolo, gli avvoltoi si abbassano

Queste ossa possono essere spezzate
Ma lo spirito non può morire
Gli Dei videro la sua angoscia
e gli fecero un segno

Dal fondo degli abissi
Affiora la barca delle anime perdute
E lo portarono…
Dove nessuno dorme
mentre i non-morti piangono
Dove nessuno dorme
mentre i non-morti piangono

E nel mondo superiore
gli Anziani cantano
Vivendo sulla sua terra.
Ma la campana della morte suona

Fu accolto ai cancelli dell’Ade
dal Guardiano delle Anime Perdute
il Custode degli Invendicati
Ed egli disse a lui
“Non ti lascerò passare Abbadon!!!
Ritorna dal mondo da dove sei venuto
E cerca riscatto
Non solo per il tuo tormento,
ma vendica anche le anime degli invendicati!!!”

E porsero nella sua mano una spada
Fatta apposta per lui chiamata Vendetta
Forgiata nel Fuoco Eterno
E temprata dalle dolorose lacrime
degli invendicati
E per aiutarlo nel suo viaggio
di ritorno nel mondo superiore
Fecero venire innanzi il loro cavallo demoniaco,
chiamato Morte Nera
Un sinistro destriero spaventosamente potente
e talmente nero di colore
Che poteva apparire una cosa sola con le tenebre
Salvo per i suoi occhi rosso fuoco

E quella notte
Sorsero entrambi dagli Inferi
Lo scalpitare dei suoi zoccoli
rombava come il tuono!

Fiamme, morte, distruzione
Stuprando le loro figlie e mogli
Nel sangue prendo il mio tributo
Riscattandolo tutto con le loro vite!

Nessuno può sfuggirmi!
Su Morte Nera io cavalco!
Quando saranno baciate
dalla spada della vendetta
Le vostre teste giaceranno accanto a voi
Prenderò le vite di tutti quelli
che ho conosciuto
il tormento carnale di una morte lenta
vi aspetta!

Fiamme, morte, distruzione
Stuprando le loro figlie e mogli
Nel sangue prendo il mio tributo
Riscattandolo tutto con le loro vite!

Non risparmierò nessuna terra o servitore
Il mio risveglio è annunciato da fumo e fuoco!
Prenderò le loro figlie e mogli
Potranno solo guardare
Sperando che io metta fine alle loro misere vite!
Ma quando li trapasserò
Sapranno che dovevano pagare per questo!

Fiamme, morte, distruzione
Stuprando le loro figlie e mogli
Nel sangue prendo il mio tributo
Riscattandolo tutto con le loro vite!
Con le loro vite!
Con le loro vite!
Con le loro vite!

Tags: - 632 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .