Deliverance – Opeth

Deliverance (Redenzione) è la traccia numero due e quella che da il nome al sesto album degli Opeth, pubblicato il 12 novembre del 2002.

Formazione Opeth (2002)

  • Mikael Åkerfeldt – voce, chitarra
  • Peter Lindgren – chitarra
  • Martin Mendez – basso
  • Martin Lopez – batteria

Traduzione Deliverance – Opeth

Testo tradotto di Deliverance (Åkerfeldt) degli Opeth [Music for Nations]

Deliverance

Floating on mist
Crept up the caverns of my brain
Received no warning
From nothing to a life code

Walk with me, you’ll never leave
Wait to see your spirit free
Tell me how your heart’s in need
As I drown you in the sea

Unwinding snares of distrust
Your wrist in my fast grip
Look me in the eye, I’m clear
This is your time
Face down beneath the waterline
Gazing into the deep

From love to death
In a time span of seconds
Oblivious to regret
Pushed into belief
In liquid cellophane
Gasping for air
Mercy in my eyes
Is the shade of the night
Face down beneath the waterline
Gazing into the deep

The piercing sounds you make
Soaring higher, higher now
And once left in my wake
Your memory is nothing
but the scars on me

All over now
Forgotten why
I needed this
Standing down
Disappear into the obscure
Resting days
Waiting for new disease
Biding time
Locked inside insanity

It always burns within
The downward spiral never ends
When driven into sin
Your salvation’s found
in a sinner’s deed

The devil guides the way
Tells me what to say
Pours himself inside
And snuffs the final light

Deliverance
Thrown back at me

Deliverance
Laughing at me

Redenzione

Galleggiando nella foschia
Arrampicatosi nelle spelonche del mio cervello
Senza aver ricevuto alcun avvertimento
Dal nulla ad un’esistenza codificata

Cammina con me, non te ne andrai mai
Rimani nell’attesa di veder libero il tuo spirito
Dimmi come il tuo cuore è bisognoso
Quando ti annego nel mare

Disarmando la trappola della diffidenza
Il tuo polso nella mia stretta repentina
Guardami negli occhi, sono pulito
Questo è il tuo momento
Il viso sotto la superficie dell’acqua
Con lo sguardo dritto nel profondo

Dall’amore alla morte
Nel giro di pochi secondi
Ignaro di rimpiangere
Spinto nella fede
In un cellophane liquido
Ansimando per l’aria
Pietà nei miei occhi
Nell’ombra della notte
Il viso sotto la superficie dell’acqua
Con lo sguardo dritto nel profondo

Tu produci un tono penetrante
Sollevandoti più in alto, più in alto ancora
E una volta abbandonato nel mio risveglio
Non c’è niente del tuo ricordo
eccetto le cicatrici su di me

Ѐ tutto finito ora
Dimentico del perchè
avevo bisogno di questo
Ritirandomi
Scompaio nell’ignoto
Godendomi giorni di riposo
Attendendo un nuovo morbo
Ammazzando il tempo
Imprigionato nel cuore della follia

Arde sempre dall’interno
L’infinita spirale inferiore
Quando guidata dal peccato
La tua salvezza è svelata
nell’azione del peccatore

Il demonio apre la via
Suggeriscimi ciò che devo dire
Riversa se stesso dentro
E spegne l’ultimo fulgore

Redenzione
Gettata alle mie spalle

Redenzione
Che mi ride in faccia

* traduzione inviata da Stefano Quizz

Tags: - 1.398 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .