Él que quiera entender, que entienda – Mägo de Oz

Él que quiera entender, que entienda (Chi vuole capire, capisca) è la traccia numero dodici del quinto album dei Mägo de Oz, Finisterra, pubblicato il 14 maggio del 2000.

Formazione Mägo de Oz (2000)

  • Jose “El Rey” – voce
  • Carlitos – chitarra
  • Frank – chitarra
  • Salva – basso
  • Txus Di Fellatio – batteria
  • Sergio Cisneros – tastiere
  • Mohamed – violino
  • Fernando Ponce de León – flauti, cornamuse

Traduzione Él que quiera entender, que entienda – Mägo de Oz

Testo tradotto di Él que quiera entender, que entienda (Txus) dei Mägo de Oz [Locomotive Music]

Él que quiera entender, que entienda

Cuánto ha de esperar
Para al fin poder hallar
La otra mitad de mí
Que me acompañe a vivir

Nadé tiempo en un mar
De apariencia, y ahogué el amor
No sé puede ocultar
El perfume de una flor

Cuánto me cuesta sobrevivir
Cuánto sonreír
Sin poder quitarme el antifaz
Que me disfraza de normal

Y volveré a buscarte
Allí hasta donde estés
Tan sólo quiero amarte
Y poder tener
Alguien en que apoyarme
Alguien en quien volcar
Todo el amor que cercenó el qué dirán…

No más miedo a entregar
Mis labios sin antes mirar
No más miedo a acariciar
Nuestros cuerpos y soñar

A la mierda con
El armario y el diván
Y si hay que luchar
Luchar es educar

Que en asuntos del corazón
No hay regla de dos
Que somos distintos, somos iguales
No más guetos, alza la voz

Y cuando llegue el final
El otoño de nuestro amor
Yo te esperaré, mientras, vive
Y lucha por tener

Derecho a elegir
Con qué cabeza tu almohada compartir
Orgulloso de ser quien eres
Y no como deberías ser

Cuánto me cuesta sobrevivir
Cuánto sonreír
Sin poder quitarme el antifaz
Que me disfraza de normal

Chi vuole capire, capisca

Quanto ho da aspettare
per poter trovare finalmente
l’altra metà di me
che mi accompagni nella vita

Ho nuotato per molto in un mare
di apparenza e affogai l’amore.
Non si può nascondere
il profumo di un fiore.

Quanto mi costa sopravvivere,
quanto sorridere
incapace di togliermi la maschera
che mi traveste da normale.

E tornerò a cercarti
là dove ti troverai
voglio solo amarti
e poter avere
qualcuno a cui appoggiarmi
qualcuno a cui dare
tutto l’amore che fu rovinato dalla dicerie

Non più paura a dare
le mie labbra senza prima guardare,
non più paura ad accarezzare
i nostri corpi e sognare.

E fanculo con
l’armadio e il divano
e se c’è da lottare,
Combattere è educare

Che negli affafi di cuore
non c’è regola del due.
Che siamo diversi, siamo uguali
non più ghetti, alza la voce.

E quando arriva la fine
La fine del nostro amore
io ti aspetterò, intanto, vivi
e lotta per avere

Diritto a scegliere
con quale testa il tuo cuscino dividere.
Orgoglioso di essere ciò che sei
e non come dovresti essere.

Quanto mi costa sopravvivere,
quanto sorridere
incapace di togliermi la maschera
che mi traveste da normale.

Tags: - 210 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .