Embodiment – Carcass

Embodiment (Incarnazione) è la traccia numero cinque del quarto album dei Carcass, Heartwork pubblicato il 18 ottobre del 1993.

Formazione Carcass (1993)

  • Jeff Walker – voce, basso
  • Michael Amott – chitarra
  • Bill Steer – chitarra
  • Ken Owen – batteria

Traduzione Embodiment – Carcass

Testo tradotto di Embodiment (Walker, Steer, Amott) dei Carcass [Earache Records]

Embodiment

I bow down your precious icon
Deity of self suppression
This effigy of flesh
Corporeal Christi nailed

In submission to this false idol
Seeking deliverance
From this spiritual hierarchy
Downward spiraling
A corrupt throne
Of repression and guilt

Our will be done
Thy kingdom burn

On my knees
Before this tormented flesh
In irreverence
In communion
With this parasitic host
Of virtuous divinity

This imperious creed
bears testament
To the failures
Of our mortality
Righteous durance is our cross
We bear in stations
In stations of the lost

Our will be done
Thy kingdom burn
Thy kingdom burn

Our will be done…

Right!
From your knees arise

Right!
By your own hand
Your God you scribe

Right!
The earth shall inherit the meek
Your God is dead

Bound down
In God we’re trussed
Foul stature
Icons embodied in flesh we nail
In servitude to deities fashioned
In our self image
Shadows of eternal strife
Cast by those who serve
Serve a crown of pawns

Our will be done
Thy kingdom burn
Thy kingdom burn

Our will be done…

Right!
From your knees arise

Right!
By your own hand
Your God you scribe

Right!
The earth shall inherit the meek
Your God is dead

Incarnazione

Metto in ginocchio la tua preziosa icona
Divinità d’auto-soppressione
Quest’effigie di carne
Un corporeo Cristo inchiodato

Nella sottomissione ai falsi numi
In cerca di redenzione
Da questa spiritual gerarchia
Che s’impenna verso il basso
Un corrotto trono
Di repressione e condanna

La nostra volontà perisce
Il vostro regno arde

Sulle mie ginocchia
Di fronte a queste membra tormentate
Nell’irriverenza
Nella comunione
Con quest’ospite parassitario
Distinto da una virtuosa celestialità

Quest’imperioso credo
Sorregge il testamento
Fino ai fallimenti
Della nostra moralità
La nobile prigionia è la nostra croce
La portiamo tra le stazioni
Tra le stazioni dei dannati

La nostra volontà perisce
Il vostro regno arde
Il vostro regno arde

La nostra volontà perisce…

Retto!
Dalle tue ginocchia sorgi

Retto!
Di tuo pugno
Il tuo Dio poni in lettere

Retto!
La terra verrà ereditata dal mansueto
Il tuo Dio è morto

Costretto al suolo
In Dio noi siam avvinti
Empia levatura
Icone incarnate nella carne ch’affliggiamo
Affascinati dal servigio agli dei
Nella nostra immagine riflessa
Tenebre d’un eterno conflitto
Occultato da coloro che servono
Che servono una corona in pegno

La nostra volontà perisce
Il vostro regno arde
Il vostro regno arde

La nostra volontà perisce…

Retto!
Dalle tue ginocchia sorgi

Retto!
Di tuo pugno
Il tuo Dio poni in lettere

Retto!
La terra verrà ereditata dal mansueto
Il tuo Dio è morto

* traduzione inviata da Stefano Quizz

Tags: - 161 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .