Fallen – Volbeat

Fallen (Caduto) è la traccia numero quattro del quarto album dei Volbeat, Beyond Hell / Above Heaven, pubblicato il 10 settembre del 2010. [♫ video ufficiale ♫]

Formazione Volbeat (2010)

  • Michael Poulsen – voce, chitarra
  • Thomas Bredahl – chitarra
  • Anders Kjølholm – basso
  • Jon Larsen – batteria

Traduzione Fallen – Volbeat

Testo tradotto di Fallen (Poulsen, Thomas Bredahl) dei Volbeat [Vertigo]

Fallen

Feel the sadness burning in my heart
You left too early father love
So many things I should have said
But in your mind you knew it well
Holding on to what I gotta love
But things still seem so dark and cold
The fire burning down my happiness
But I will rise.

So proud and strong you truly were
I took it with me as a tool
A gift from father to his only son
Watching over me with eagle eyes
You gave me freedom to a life
Where dreams are born and truly became real

See me fallen, yeah, down and lonely
Are the angels on their way, I’m in the dirt
Hear me screaming, see me bleeding
‘Cause the day’s no more the same
Without you

Promise me, my son, you always will
Cherish what you love believing in
Never lose your values, stand up for the day
Oh dear father I thank you for this
I’m writing this song on your desk
Together we can make it through the day

See me fallen, yeah, down and lonely
Are the angels on the way I’m in the dirt
Hear me screaming, see me bleeding
‘Cause the day’s no more the same
Without you

See me fallen, yeah, down and lonely
Are the angels on the way I’m in the dirt
Hear me screaming, see me bleeding
‘Cause the day’s no more the same
Without you

Caduto

Sento la tristezza che brucia nel mio cuore
Mi hai lasciato troppo presto amato padre
Avrei dovuto dirti così tante cose
Ma nella tua mente le conoscevi bene
Mi aggrappo a quello che amo
Ma tutto sembra ancora così buio e freddo
Il fuoco brucia la mia felicità
Ma io mi solleverò

Eri davvero così orgoglioso e forte
E di ciò ne ho fatto strumento
Un regalo da un padre al suo unico figlio
Tenendomi d’occhio con sguardo vigile
Mi hai dato libertà in una vita
Dove i sogni sono nati e davvero si realizzano

Guardami cadere, sì, abbattuto e solo
Gli angeli stanno arrivando? Io sono nel fango
Sentimi gridare, guardami sanguinare
Perché il giorno non è più lo stesso
senza te

Promettimi figlio mio che da
aprezzerai sempre ciò in cui ami credere
Non perdere mai i tuoi valori, lotta ogni giorno
Oh caro padre, ti ringrazio per questo
Sto scrivendo questa canzone sulla tua scrivania
Insieme possiamo farcela

Guardami cadere, sì, abbattuto e solo
Gli angeli stanno arrivando? Io sono nel fango
Sentimi gridare, guardami sanguinare
Perché il giorno non è più lo stesso
senza te

Guardami cadere, sì, abbattuto e solo
Gli angeli stanno arrivando? Io sono nel fango
Sentimi gridare, guardami sanguinare
Perché il giorno non è più lo stesso
senza te

Tags:, - 36 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .