Fell on black days – Soundgarden

Fell on black days (Precipitai in giorni bui) è la traccia tre del quarto album dei Soundgarden, Superunknown, pubblicato l’8 marzo del 1994.

Formazione Soundgarden (1994)

  • Chris Cornell – voce, chitarra
  • Kim Thayil – chitarra
  • Ben Shepherd – basso
  • Matt Cameron – batteria

Traduzione Fell on black days – Soundgarden

Testo tradotto di Fell on black days (Cornell) dei Soundgarden [A&M]

Fell on black days

Whatsoever I’ve feared has come to life
And whatsoever I’ve fought off
became my life
Just when everyday seemed
to greet me with a smile
Sunspots have faded

Now I’m doing time
Now I’m doing time

‘Cause I fell on black days
I fell on black days

Whomsoever I’ve cured,
I’ve sickened now
And whomsoever I’ve cradled,
I’ve put you down
I’m a search light
soul they say
But I can’t see it in the night

I’m only faking when I get it right
When I get it right

‘Cause I fell on black days
I fell on black days

How would I know
That this could be my fate?
How would I know
That this could be my fate? Yeah

So what you wanted
to see good
Has made you blind
And what you wanted to be yours
Has made it mine

So don’t you lock up something
That you wanted to see fly
Hands are for shaking
No, not tying, no, not tying

I sure don’t mind a change
I sure don’t mind a change
Yeah, I sure don’t mind,
sure don’t mind a change
I sure don’t mind a change

‘Cause I fell on black days
I fell on black days

How would I know
That this could be my fate?
How would I know
That this could be my fate?

How would I know
That this could be my fate?
How would I know
That this could be my fate?

I sure don’t mind a change

Precipitai in giorni bui

Qualsiasi cosa temetti rifluì nella vita
E qualsiasi cosa respinsi
si tramutò nella mia vita
Solo quando ogni giorno
pareva accogliermi con un sorriso
La solare macchia s’eclissava

Ora me ne sto in gattabuia
Ora me ne sto in gattabuia

Perchè precipitai in giorni bui
Precipitai in giorni bui

Chiunque abbia guarito,
ora l’ho reso infermo
E chiunque io abbia cullato,
l’ho lasciato cadere
Sono alla costante ricerca
dell’abbagliante anima che essi tanto nominano
Ma non posso scorgerla nelle tenebre della notte

Solamente io fingo quando azzecco la giusta via
Quando azzecco la giusta via

Perchè precipitai in giorni bui
Precipitai in giorni bui

Come potrei mai capire
Che questo può essere il mio fato?
Come potrei mai capire
Che questo può essere il mio fato?

Quindi ciò che brami che appaia
chiaramente ai tuoi occhi
Ti rende cieco
E ciò che brami sia tuo
Diventa mio

Quindi non imprigionare qualcosa
Che desideri veder librarsi in aria
Le mani son fatte per essere strette
No, non per incatenare, no, non per incatenare

Sono certo di non badare al cambiamento
Sono certo di non badare al cambiamento
Sì, sono certo di non badare al cambiamento,
certo di non badare al cambiamento
Sono certo di non badare al cambiamento

Perchè precipitai in giorni bui
Precipitai in giorni bui

Come potrei mai capire
Che questo può essere il mio fato?
Come potrei mai capire
Che questo può essere il mio fato?

Come potrei mai capire
Che questo può essere il mio fato?
Come potrei mai capire
Che questo può essere il mio fato?

Sono certo di non badare al cambiamento

* traduzione inviata da Stefano Quizz

Tags: - 7.551 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .