Fields in flames – Korpiklaani

Fields in flames (Campi in fiamme) è la traccia numero tre del secondo album dei Korpiklaani, Voice of Wilderness, uscito il primo febbraio del 2005.

Formazione Korpiklaani (2005)

  • Jonne Järvelä – voce, yoik, chitarra
  • Jaakko Lemmetty – violino, cornamusa, jouhikko, cornamusa
  • Arto Tissari – basso
  • Honka – chitarra
  • Ali Määttä – percussioni
  • Kalle Savijärvi – chitarra
  • Matti Johansson – batteria

Traduzione Fields in flames – Korpiklaani

Testo tradotto di Fields in flames dei Korpiklaani [Napalm Records]

Fields in flames

They rode
Those two hundred men
Narrow roads
Through this dark cold land
They burnt all villages
They raped and destroyed
Took gold, silver and coins

Taxes to King was their mission
But pain and sorrow
they left behind
They drank all booze
They stole and killed
Fields in Flames and
Families without homes

Men with their golden swords
Horses’ armoured heads
Iron harassed hard
Blades of weapons slashed
In silence the village lie down
Hearts bleeding morbid sorrow

One man of these men of the death
One man, broke down
Down he went with insanity
Down man, lunatic
He lit the fire under the house
You could only see his feet

He lit the fire under the house,
you could only see his feet.
He burnt away his insanity,
Burnt away those memories.
He burnt away his insanity,
Burnt away those memories.

Men with their golden swords
Horses’ armoured heads
Iron harassed hard
Blades of weapons slashed
In silence the village lie down
Hearts bleeding morbid sorrow

Campi in fiamme

Cavalcarono
Quei duecento uomini
Per stretti sentieri
Attraverso questa fredda terra oscura
Bruciarono tutti i villaggi
Stuprarono e distrussero
Si presero l’oro, l’argento e le monete

Portare le tasse al Re era la loro missione
Ma il dolore e la sofferenza
fu tutto ciò che si lasciarono dietro
Bevvero tutto l’alcol
Rubarono ed uccisero
Tra i campi in fiamme e
Lasciarono le famiglie senza una casa

Quegli uomini avevano spade d’oro
I loro cavalli avevano armature
Tormentarono duramente la gente con il ferro
Le lame delle armi ferirono
Il villaggio riposa nel silenzio
E i cuori sanguinano un dolore morboso

Un uomo di questi uomini di morte
Un uomo perse la testa
Diventò lentamente pazzo
Alla fine era un lunatico
Diventò lentamente pazzo
Alla fine era un lunatico

Accese il fuoco sotto la casa
Si vedevano solamente i suoi piedi
Bruciò la sua stessa pazzia
Bruciò tutti i ricordi
Bruciò la sua stessa pazzia
Bruciò tutti i ricordi

Quegli uomini avevano spade d’oro
I loro cavalli avevano armature
Tormentarono duramente la gente con il ferro
Le lame delle armi ferirono
Il villaggio riposa nel silenzio
E i cuori sanguinano un dolore morboso

Tags: - 86 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .