Follow the reaper – Children of Bodom

Follow the reaper (Segui il mietitore) è la traccia che apre e che da il nome al terzo album dei Children of Bodom, pubblicato il 30 ottobre del 2000.

Formazione Children of Bodom (2000)

  • Alexi Laiho – voce, chitarra
  • Alexander Kuoppala – chitarra
  • Hennka T. Blacksmith – basso
  • Jaska W. Raatikainen – batteria
  • Janne Wirman – tastiere

Traduzione Follow the reaper – Children of Bodom

Testo tradotto di Follow the reaper (Laiho) dei Children of Bodom [Spinefarm]

Follow the reaper

“Death, be not proud.
Though some have called thee mighty and
dreadful, thou art not so.”

Losing the war
I’m feigning to win
Though I never tried
to strive deep from within
Life could be beautiful for anybody it’s for
But I’d swear this mothafuckin’ shit
is rotten to the core

The portal has been past
and it’s time to make a turn
To follow the reaper
until the point of no return

When your blindly death-raying blade
sweeps the griefs and fears away
I cross my heart and hope to die
thy freedom will be mine

Sinking down in the ocean of severe emotions
Grab a bottle to drink up
the pain-relieving potion
But after all, that got boring too
So no matter what happens,
I couldn’t give a damn or too

The portal has been past
‘til the point of no return
No more lines to cross,
no more bridges to burn

Now when your blindly death-raying blade
swept my griefs and tears away
I’d never go back to cross that line
I cross my heart and hope to die

“I was only twenty one when I died”

Segui il mietitore

Morte non essere orgogliosa.
Anche se alcuni ti hanno definito potente e
terribile, tu non lo sei.”

Perdendo la guerra
che sto fingendo di vincere
anche se penso di non aver mai cercato
di sforzarmi nel profondo di me stesso
La vita potrebbe essere meravigliosa per tutti
ma giurerei che questa maledetta merda
è marcia fino al midollo

Il portale è stato superato
Ed è giunto il momento di girare,
per seguire il mietitore,
fino al punto di non ritorno.

Quando la tua cieca lama rilucente di morte
Spazza via tristezza e paura,
Giuro sulla mia vita che
La tua libertà sarà mia

Affondando nel mare delle emozioni forti
Afferro una bottiglia per bere
la pozione per il conforto dalle sofferenze
Ma nonostante tutto anche questo mi da noia,
Quindi non importa cosa succederà,
non me ne frega un ca##o

Il portale è stato superato
fino al punto di non ritorno
Nessun altro confine da varcare,
Nessun ponte da bruciare.

Quando la tua cieca lama rilucente di morte
Spazza via tristezza e paura,
non tornerò mai indietro per varcare quella linea
Lo giuro sulla mia vita

“Avevo solo dodici anni quando sono morto”

Tags:, - 132 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .