FreeCard – Dark Tranquillity

FreeCard (Carta gratuita) è la traccia che apre il quarto album dei Dark Tranquillity, Projector, pubblicato il 21 giugno del 1999.

Formazione Dark Tranquillity (1999)

  • Mikael Stanne – voce
  • Niklas Sundin – chitarra
  • Fredrik Johansson – chitarra
  • Martin Henriksson – basso
  • Anders Jivarp – batteria

Traduzione FreeCard – Dark Tranquillity

Testo tradotto di Free Card (Henriksson, Sundin, Jivarp) dei Dark Tranquillity [Century]

FreeCard

Set against these hardest hours
Anger paled, for in this fear
The theft of privacy
We all see it break sometimes,
See it tear us apart
That which left behind
Screams out loud this night
So much is asked in silence
Expect not and you’ll find
Thousand miles
From the nearest truth
Rotating, entangled
I continue not to heal
Another no-night
Waits its turn
So I call upon
My freecard
To postpone
If time was one with many faces
Which one would call to me?
Where all our paths in one now end
That with the power to gather the mislead
Now will lead them all astray
So push it ever further
To unsuspecting dark
Build that second layer
For the hours to take fast
A rest from the giving
Like a heart between beats
Greater than the need
For community
The need for the right solitude
Come to know
That an outrage is inevitable
Through many try
An escape is unsuccessful
In the midst of a nerve-night
The victim of soulkill
True self is mere torture
Death rides these nerves

Carta gratuita

Posto contro queste ore durissime
Rabbia impallidita, poichè in questo terrore
Il furto dell’intimità
Vediamo tutti che ogni tanto si spezza,
Vediamo che ci riduce a brandelli
E ciò che è lasciato alle spalle
Grida forte questa notte
Così tanto è chiesto nel silenzio
Non aspettare e troverai
Mille miglia
Dalla verità più vicina
Roteante, aggrovigliato
Continuo a non guarire
Un’altra non-notte
Aspetta il suo turno
Così faccio appello
Alla mia carta libera
Da aggiornare
Se il tempo fosse uno con molti volti
Quale mi chiamerebbe?
Dove tutti i sentieri adesso confluiscono in uno
Con il potere di radunare gli erranti
Ora li condurrà tutti fuori strada
Quindi spingilo sempre oltre
Nell’oscurità non sospettose
Costruisci quel secondo strato
Per le ore che passano veloci
Un riposo dalla donazione
Come un cuore tra le pulsazioni
Più grandi del necessario
Per la comunità
Il bisogno della giusta solitudine
Vieni per sapere
Che un oltraggio è inevitabile
Attraverso numerosi tentativi
Una via di fuga non ha successo
Nel mezzo di una notte di nervi
La vittima dell’uccisione dell’anima
Il vero io è pura tortura
La morte guida questi nervi

Tags: - 137 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .