Godhead’s lament – Opeth

Godhead’s lament (Il lamento della divinità) è la traccia numero due del quarto album degli Opeth, Still life pubblicato il 18 ottobre del 1999.

Formazione Opeth (1999)

  • Mikael Åkerfeldt – voce, chitarra
  • Peter Lindgren – chitarra
  • Martin Mendez – basso
  • Martin Lopez – batteria

Traduzione Godhead’s lament – Opeth

Testo tradotto di Godhead’s lament (Åkerfeldt) degli Opeth [Peaceville]

Godhead’s lament

Marauder
Staining the soil, midst of stillness
Beloved fraternity to an end
Red eyes probe the scene
All the same
Stilted for the beholder
Depravity from the core
Handcarved death in stoneladen aisles

I hide the scars from my past
Yet they sense my (mute) dirge
This is when it all falls apart
White hands grasping for straws

Sly smile,
poisoned glare behind
Undisguised manmade nova
Mute cry, don’t dare to tread
Searing beams tracking you down

Adoring what never has been
Some will bring with them
all they have seen

Searching my way to perplexion
The gleam of her eyes
In that moment she knew

Thought I could not leave this place
On this imminent day
As I’ve reached the final dawn
To what’s gone astray
What would they care if I did stay
No-one would know
What would they care if I did stay
No-one should know

Thought I could not leave this place
On this imminent day
As I’ve reached the final dawn
To what’s gone astray
What would they care if I did stay
No-one would know
What would they care if I did stay
No-one should know

Still brooding, soothing clam
That rigid, twisted face
Blank godhead, tear my name
Lost virtue, frantic lust

Sly smile,
poisoned glare behind
Undisguised manmade nova
Mute cry, don’t dare to tread
Searing beams tracking you down

Adoring what never has been
Some will bring with them
all they have seen

Searching my way to perplexion
In crumbling faith I saw her
Bearing her pain in the wilderness
The gleam of her eyes
In that moment she knew

Il lamento della divinità

Predatore
Macchiando il suolo, centro della calma
Adorata fraternità giunta ad una fine
Occhi rossi sondano la scena
Tutti uguali
Costruiti per chi guarda
Depravazione per l’anima
Morte scolpita a mano in corridoio di pietre

Nascondo le ferite dal mio passato
Eppure percepiscono la mia (muta) nenia
Questo è quando tutto precipita
Bianche mani che afferrano pagliuzze

Sorriso subdolo,
dietro avvelenato e sfolgorante
Malcelata nova artificiale
Un grido cieco, che non osa calcare
Incandescenti raggi che ti conducono giù

Adorando ciò che non è mai stato
Alcuni porteranno con se
tutto quello che hanno visto

Cercando la mia via per la perplessità
La luce dei suoi occhi
nel momento in cui seppe…

Pensavo di non poter lasciare questo posto
In questo imminente giorno
Mentre raggiungevo la mia ultima alba
Verso ciò che è andato storto
Cosa gliene sarebbe importato se fossi rimasto?
Nessuno può sapere
Cosa gliene sarebbe importato se fossi rimasto?
Nessuno lo dovrà sapere

Pensavo di non poter lasciare questo posto
In questo imminente giorno
Mentre raggiungevo la mia ultima alba
Verso ciò che è andato storto
Cosa gliene sarebbe importato se fossi rimasto?
Nessuno può sapere
Cosa gliene sarebbe importato se fossi rimasto?
Nessuno lo dovrà sapere

Ancora rimugina, lenitivo silenzio
questa rigida, contorta faccia
Vuota testa divina, lacera il mio nome
Perduta la virtù, frenetica lussuria

Sorriso subdolo,
dietro avvelenato e sfolgorante
Malcelata nova artificiale
Un grido cieco, che non osa calcare
Incandescenti raggi che ti conducono giù

Adorando ciò che non è mai stato
Alcuni porteranno con se
tutto quello che hanno visto

Cercando la mia via per la perplessità
Nella decadente fede la vidi
Portando il suo dolore nella selva
La luce dei suoi occhi
nel momento in cui seppe…

Tags: - 119 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .