House of pain – Faster Pussycat

House of pain (Casa del dolore) è la traccia numero quattro del secondo album dei Faster Pussycat, Wake Me When It’s Over, pubblicato il 6 settembre del 1989.

Formazione Faster Pussycat (1989)

  • Taime Downe – voce
  • Greg Steele – chitarra
  • Brent Muscat – chitarra
  • Eric Stacy – basso
  • Brett Bradshaw – batteria

Traduzione House of pain – Faster Pussycat

Testo tradotto di House of pain (Downe, Steele) dei Faster Pussycat [Elektra]

House of pain

A little past suppertime
I’m still out on the porch step
sitting on my behind,
Waiting for you.

Wondering if everything is alright.
Momma said, “Come in boy,
don’t waste your time.”
I said, “I’ve got time.
Well, he’ll be here soon.”

Five years old and talking to myself.
Where were you? Where’d you go?
Daddy, can’t you tell?

I’m not trying to fake it
And I ain’t the one to blame.
There’s no one home
In my house of pain.
I didn’t write these pages
And my script’s been rearranged.
No, there’s no one home
In my house of pain

Wasn’t I worth the time?
A boy needs a daddy
like a dance to mime
and all the time
I looked up to you.

I paced my room
a million times.
And all I ever got
was on big line,
the same old lie.
How could you?

Well, I was eighteen
and still talking to myself.
Where were you? Where’d you go?
Daddy can’t you tell?

I’m not trying to fake it
And I ain’t the one to blame.
There’s no one home
In my house of pain.
I didn’t write these pages
And my script’s been rearranged.
No, there’s no one home
In my house of pain

Casa del dolore

È il momento della cena
Sono ancora fuori sotto il portico
Seduto di spalle,
aspettandoti

Chiedendomi se era tutto a posto
Mamma disse: “Vieni dentro ragazzo,
non perdere tempo”.
Io dissi: “Ho tempo,
beh, lui sarà qui presto

Avevo 5 anni e parlavo con me stesso
Dove eri? Dove eri andato?
Papà, non puoi dirlo?

Non sto cercando di fingere
E non sono quello da incolpare
Non c’è nessuna famiglia
Nella mia casa di dolore.
Non ho scritto queste pagine
E la mia scenggiatura è stata riscritta
Non c’è nessuna famiglia
Nella mia casa di dolore.

Non mi meritavo del tempo?
Un ragazzo a bisogno del papà
come una danza del mimo
e per tutto il tempo
ti ho cercato

Sono andato su e giù nella mia stanza
milioni di volte
e tutto ciò che ho sempre avuto
fu una grande storia
la stessa vecchia bugia
Come hai potuto?

Bene, avevo 18 anni
e parlavo ancora con me stesso
Dove eri? Dove eri andato?
Papà non puoi dirlo?

Non sto cercando di fingere
E non sono quello da incolpare
Non c’è nessuna famiglia
Nella mia casa di dolore.
Non ho scritto queste pagine
E la mia scenggiatura è stata riscritta
Non c’è nessuna famiglia
Nella mia casa di dolore.

Tags:, - 1.550 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .