Kill you – Korn

Kill you (Ucciderti) è la traccia numero quattordici del secondo album dei Korn, Life Is Peachy, pubblicato il 15 ottobre del 1996.

Formazione Korn (1996)

  • Jonathan Davis – voce
  • Brian “Head” Welch – chitarra
  • James “Munky” Shaffer – chitarra
  • Reginald “Fieldy” Arvizu – basso
  • David Silveria – batteria

Traduzione Kill you – Korn

Testo tradotto di Kill you (Davis, Welch, Shaffer, Arvizu, Silveria) dei Korn [Epic]

Kill you

Lady life, don’t you cry
My life, pain is God
Many nights, painfull thoughts of her
Yell at me, again I’m wrong

In denial, I tried to be your friend
I tried to be a good boy
All I see, a hate deep inside
Startle me, someone save me

Now these memories,
fill my heart, they bury me

All I wanna do!
You are not my real mother
Is kill you
Should I’d beat and stab and fuck her

Looking back I was never ever right
You were my step-mom
who always wanted me out of your sight
I would come walkin’ in and I ‘d say hello,
but you slap me and you make
some fucked up comment about my clothes
So I tried to let it pass,
but the visions in my head
were with you, with a knife
up your ass, laying dead
so I pop some more
caps in your ass,
Now your son is not so fun
Motherfucking bitch!
Never try to play me!!!

You made my life not so good
All I wanna do!… is kill you

All I wanna do!
You are not my real mother
Is kill you
Should I’d beat and stab and fuck her

Wish you were dead now!!!
How can I cry over someone
I never loved?
How can I cry over someone
I never loved?
Never loved…

Ucciderti

Vivere la mia vita, non piangere.
La mia vita, il dolore è Dio
Molte notti, pensieri dolorosi di lei
Mi gridano contro – ho di nuovo torto

Negando ho cercato di essere tuo amico
Ho cercato di essere un bravo ragazzo
Tutto quello che vedo, un odio profondo dentro.
Fammi trasalire, qualcuno mi salvi.

Adesso questi ricordi,
mi riempiono il cuore, mi seppelliscono

L’unica cosa che voglio fare!
Non sei la mia vera madre
È ucciderti
Allora la batto, l’accoltello, me la fotto

Guardando indietro non avevo mai ragione
Eri la mia matrigna
che mi voleva sempre fuori dai piedi
Volevo entrare dentro e dire “Ciao”
Ma mi hai uno schiaffo e facevi
qualche commento del ca##o sui miei vestiti
Ma cercavo di lasciar perdere,
ma le immagini nella mia testa
Erano di te, con un coltello
su per il culo, per terra morta.
Allora ho infilato ancora
un po’ di tappi nel tuo culo.
Adesso tuo figlio non è più così divertente
Puttana bastarda!
Non cercare mai di prenderti gioco di me!

Rendi la mia vita non così stupenda…
L’unica cosa che voglio fare… è ucciderti…

L’unica cosa che voglio fare!
Non sei la mia vera madre
È ucciderti
Allora la batto, l’accoltello, me la fotto

Vorrei! Che tu fossi morta adesso!
Come posso piangere qualcuno
che non ho mai amato?
Come posso piangere qualcuno
che non ho mai amato?
Mai amato…

* traduzione inviata da El Dalla

Tags: - 353 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .