Last child – Aerosmith

Last child (L’ultimo figlio) è la traccia numero due ed il primo singolo del quarto album degli Aerosmith, Rocks, pubblicato il 3 maggio del 1976.

Formazione Aerosmith (1976)

  • Steven Tyler – voce
  • Joe Perry – chitarra
  • Brad Whitford – chitarra
  • Tom Hamilton – basso
  • Joey Kramer – batteria

Traduzione Last child – Aerosmith

Testo tradotto di Last child (Tyler, Whitford) degli Aerosmith [Columbia]

Last child

I’m dreaming tonight, I’m living back home
Right! Yeah…yeah

Take me back to a south tallahassee
Down cross the bridge to my sweet sassafrassy
Cant stand up on my feet in the city
Gotta get back to the real nitty gritty

Yes sir, no sir
Dont come close to my
Home sweet home
Cant catch no dose
Of my hot tail poon tang sweetheart
Sweathog ready to make a skilk purse
From a j paul getty and his ear
With her face in the beer

Home sweet home

Get out in the field
Put the mule in the stable
Ma shes a cookin
Put the eats on the table
Hates in the city
And my loves in the meadow
Hands on the plow
And my feets in the getto

Stand up, sit down
Dont do nothing
Aint no good when boss mans
Stuffin down their throats
With paper notes
As babies cry
When youre rockin in the street

Home sweet home

Mama, take me home sweet home

I was the last child
Just a punk in the streets

Last child

Stanotte sto sognando di tornare a casa
Bene!

Riportatemi a South Tallahassee,
giù oltre il fiume al mio dolce Saffrasso
Non riesco a sopravvivere in città
Devo tornare alla vita vera

Sissignore, nossignore,
non avvicinatevi troppo
alla mia dolce casa
Non posso prendermi nessuna malattia
da qualche puttanella carina
Quella stupida femmina innamorata pazza
di J. Paul Get e del suo orecchio
Con la faccia nella birra

Casa dolce casa

Vado fuori nei campi,
metto il mulo nella stalla
Mamma sta cucinando
e mette il cibo in tavola
In città è l’odio
e i miei amori nel prato
Una mano sull’aratro
e un piede nel ghetto

In piedi, seduto,
non fare niente
Non è bello quando i padroni
si riempiono di soldi, le città stese
al loro cospetto
E i bambini piangono
e tu batti le strade

Casa dolce casa

Mamma, riportami a casa, dolce casa

Ero l’ultimo figlio,
solo un teppista sulla strada

Tags: - 558 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .