Love to hate – Slayer

Love to hate (Amore per l’odio) è la traccia numero cinque del settimo album degli Slayer, Diabolus in Musica, uscito il 9 giugno del 1998.

Formazione degli Slayer (1998)

  • Tom Araya – voce, basso
  • Kerry King – chitarra
  • Jeff Hanneman – chitarra
  • Paul Bostaph – batteria

Traduzione Love to hate – Slayer

Testo tradotto di Love to hate (King, Hanneman) degli Slayer [American Recordings]

Love to hate

Enter my mind
can you stop the rage
No one shall mourn
or pity my grave
Fighting the world
without remorse
Searching for blood
to never grow old
A personal hell
is where I reside
Taunting death sounds
cadavers in pain
Judging my soul
I am not his son
Screaming God’s name
I want some more

You love to hate me
But you won’t kill me
Suicidal surge
Desensitize the world

Take what I want
primordial ground
Humanity bleeds
from inside my veins
Losing all grasp
an evil so old
Vengeance it breeds
driving you insane
Exhaust all will hanging by the neck
Anguish within let it
blind the eys
Better off dead
is your epitaph
Apathy feeds
the human demise

Absolute reign
a malevolent mind
Conceptions so vile
in this bottomless soul
Shooting up hate
nothing beats the rush
Total addicting,
corrupt and profane
Force-fed lies
in this chapel of lust
Dancing in blood
disciples enslaved
Putrefied walls adorned
with your flesh
Coating this shrine
of the ungodly cross

You love to hate me
But you won’t kill me
Suicidal surge
Desensitize the world

Pessimistic dreams
Realistic screams
Crucify creation
Magnify damnation
Enter my mind
can you stop the rage
No one shall mourn
or pity my grave
Fighting the world
without remorse
Searching for blood
to never grow old

Putrefied walls adorned
with your flesh
Coating this shrine
of the ungodly cross

You love to hate me
But you won’t kill me
Suicidal surge
Desensitize the world

Amore per l’odio

Entra nella mia mente,
puoi fermare la furia?
Nessuno piangerà o
si rattristerà sulla mia tomba
Combattendo il mondo
senza alcun rimorso
Cercando sangue
per non invecchiare mai
Un inferno personale
è il luogo dove risiedo
Suoni di derisione della morte,
cadaveri nel dolore
Giudicando la mia anima,
io non sono figlio suo
Urlando il nome di Dio,
ne voglio di più

Tu ami odiarmi
Ma non mi puoi uccidere
Ondata di suicidi
Desensibilizza il mondo

Prendo ciò che voglio,
una terra primordiale
L’umanità sanguina
da dentro le mie vene
Perdendo tutti gli appigli,
un male così antico
La vendetta prolifera
portandoti alla pazzia
Esausti, tutti saranno impiccati
Lascia che il tormento che hai dentro
accechi i tuoi occhi
“Stai meglio morto”
è il tuo epitaffio
L’apatia nutre
la malattia umana

Un regno assoluto
con una mente malevola
Una concezione così vile
in quest’anima senza fondo
Iniettando l’odio
niente ferma la corrente
Dipendenza totale,
corrotta e profana
Bugie fatte ingoiare
in questa cappella di lussuria
Discepoli schiavizzati
che ballano nel sangue
Mura putrefatte adornate
con la tua carne
Verniciando questo santuario
con la croce maligna

Tu ami odiarmi
Ma non mi puoi uccidere
Ondata di suicidi
Desensibilizza il mondo

Sogni pessimistici
Urla realistiche
Una creazione crocifissa
Una dannazione magnificente
Entra nella mia mente,
puoi fermare la furia?
Nessuno piangerà
o si rattristerà sulla mia tomba
Combattendo il mondo
senza alcun rimorso
Cercando sangue
per non invecchiare mai

Mura putrefatte adornate
con la tua carne
Verniciando questo santuario
con la croce maligna

Tu ami odiarmi
Ma non mi puoi uccidere
Ondata di suicidi
Desensibilizza il mondo

Tags: - 830 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .