Moonlapse vertigo – Opeth

Moonlapse vertigo (Vertigine quando la luna scompare) è la traccia numero quattro del quarto album degli Opeth, Still life pubblicato il 18 ottobre del 1999.

Formazione Opeth (1999)

  • Mikael Åkerfeldt – voce, chitarra
  • Peter Lindgren – chitarra
  • Martin Mendez – basso
  • Martin Lopez – batteria

Traduzione Moonlapse vertigo – Opeth

Testo tradotto di Moonlapse vertigo (Åkerfeldt) degli Opeth [Peaceville]

Moonlapse vertigo

Kept warm by the light of the lantern
Lost sight of everything tonight
My presence blackens their pattern
A pock in the healthy and calm

Their scorn behind your back
My promise would put them down
No trace of reverence left
Immemorial fire in their eyes

I would perish at the given signal
At the slightest touch from my soul
Tainted prophet in flesh
For all the plagued and lost

Dripping sin
Decision in stalemate
Dare to feel death at hand
Surprised me with its voice
Through the forest came the morn

Across the leafy pathway
Their deeds smeared in blood
For all to behold
The council of the cross
Must have sensed my coming
The pest through the air
With despise for squalor
Lashing out at the poor

I turned away my eyes
In pallor escape from the end
Fading time to leave from here
And less to fulfill my task
She would be safe and firm
Nothing of this is in vain
Taken away from stifling grace
And saved from the past

Vertigine quando la luna scompare

Tenuto caldo dalla luce della lanterna
Persa la vista di ogni cosa stasera
La mia presenza oscura il loro disegno
Una cicatrice nel sano e tranquillo

Il loro disprezzo dietro la tua schiena
La mia promessa li scredita
Nessun segno di riverenza è rimasto
Immemore fuoco nei loro occhi

Potrei morire al segnale dato
Al minimo tocco della mia anima
Profeta contaminato fatto di carne
Per tutti i tormentati e i perduti

Peccato gocciolante
La decisione in situazione di stallo
Oso sentire la morte a portata di mano
Mi ha sorpreso con la sua voce
Attraverso la foresta venne il mattino

Attraverso il percorso alberato
le loro azioni imbrattate di sangue
per farle vedere a tutti
Il consiglio della croce
Deve aver intuito il mio arrivo
La peste nell’aria
con disprezzo per lo squallore
frustando i poveri

Voltai gli occhi
in una pallida fuga dalla fine
Svanisce il tempo per partire da qui
e meno ancora per adempiere al mio compito
Lei sarebbe salva e al sicuro
Niente di questo è vano
Portata via dalal soffocante grazia
e salvata dal passato

Tags: - 114 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .