Morning sun – Savatage

Morning sun (Il sole del mattino) è la traccia numero quattro dell’undicesimo album in studio dei Savatage, The Wake of Magellan, pubblicato il 15 settembre del 1997.

Formazione Savatage (1997)

  • Zachary Stevens – voce
  • Jon Oliva – voce, tastiere
  • Al Pitrelli – chitarra
  • Chris Caffery – chitarra
  • Johnny Lee Middleton – basso
  • Jeff Plate – batteria

Traduzione Morning sun – Savatage

Testo tradotto di Morning sun (J.Oliva, Cafferty, O’Neill) dei Savatage [Atlantic]

Morning sun

When you look at the morning sun
Do you see what I see
Or could I be the only one
Seeing just what I need

I envision a different man
Than the one I’ve become
Pray the ocean will understand
That my time isn’t done

Everyone’s leading
But nobody’s dancing
You stand on the stage
Just to turn all alone
I have waited this way
For a lifetime of days

I can’t wait for the morning sun
As I stand with the sea
And the ocean she understands
Just the man I could be

Somewhere else
there’s a different world
With a sun that will rise
And a moon that will take its place
In another man’s eyes

And perhaps it’s a better world
Than the one that I see
Or if better for no one else
Perhaps better for me

Here in the dark
where the sky shows its graces
Revealing each star while
the moon plays the fool
Saying how it must be
while the night disagrees

I can’t wait for the morning sun
As I stand with the sea
And the ocean she understands
Just the man I could be

No, no, time doesn’t wait for you
No, no, leave it alone
No, no, your days are far too few
This thing I have always known

When your time is up its true
They never give another day to you

When your time is up its through
No one cares how

Can’t keep it
Can’t save it
Can’t take it away with you
So I say we use it now

Il sole del mattino

Quando guardi il sole del mattino
Vedi ciò che vedo io
O io sono l’unico
Che vede ciò che mi serve?

Ho la visione di un uomo diverso
Da quello che sono diventato
Prego l’oceano sperando che mi capisca
Spero che non sia arrivata la mia ora

Tutti si stanno divertendo
Ma nessuno sta ballando
E tu sei sul palco
Presto sarai solo
Ho aspettato questo giorno
Per tutta la mia vita

Non posso aspettare il sole del mattino
Davanti al mare
E l’oceano capisce
L’uomo che potrei diventare

Da qualche parte
c’è un mondo diverso da questo
Dove il sole sorgerà
E una luna prenderà il suo posto
Negli occhi di un altro uomo

E forse quello sarebbe un mondo migliore
Di quello che vedo
O forse non sarebbe migliore per nessuno
Tranne per me stesso

Qua nel buio,
dove il cielo mostra le sue grazie
Ogni stella si rivela mentre
la luna inganna lo stupido
E così che dovrebbe essere
mentre cala la notte

Non posso aspettare il sole del mattino
Davanti al mare
E l’oceano capisce
L’uomo che potrei diventare

No, no, il tempo non sta ad aspettarti
No, no, lascialo solo
No, no, non ti resta molto tempo
Questa è una cosa che ho sempre saputo

Quando arriva la tua ora capisci
Che non ti resta neanche un altro giorno

Quando arriva la tua ora e ci sei nel mezzo
A nessuno importa ciò che stai passando

Non puoi trattenerlo
Non puoi fermarlo
Non puoi portarlo con te
Quindi usiamolo adesso

Tags: - 243 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .