Nocturnal – The Black Dahlia Murder

Nocturnal (Notturno) è la traccia numero cinque e quella che da il nome al terzo album dei The Black Dahlia Murder, pubblicato il 18 settembre del 2007.

Formazione The Black Dahlia Murder (2007)

  • Trevor Strnad – voce
  • Brian Eschbach – chitarra
  • John Kempainen – chitarra
  • Ryan Williams – basso
  • Shannon Lucas – batteria

Traduzione Nocturnal – The Black Dahlia Murder

Testo tradotto di Nocturnal (Eschbach, Strnad) dei The Black Dahlia Murder [Metal Blade]

Nocturnal

Between the lies
our dead language tongues
Before the dawns our hearts
They shall hunt
The smell of blood excites the nostrils
At first cut the sanguinary worship of

Red spraying punctures
a sight so divine
Clutching her carcass
Face frozen in time
A distorted dialect
for the draining of veins
To the flooding of bed sheets
With sick crimson rain

A warped diction of scriptures befouled
Traditions steeped within disgraces reviled
Father, unholy one
To your night realm we bow

Nocturnal majesty
Sworn to black we’ll always be

Damnation’s diction
A deadly disclosure
Our poisons in their goblets drip
How perfectly hideous
So eloquently scribed
Each scripture so skillfully sick

Parchments scabbed over
with plasmatic prose
Prophesize permanent night
The words of sheer blackness
paint ebony my soul
And bestow me with infernal might

A warped diction of scriptures befouled
Traditions steeped within disgraces reviled
Father, unholy one
To your night realm we bow

Nocturnal majesty
Sworn to black we’ll always be
Hatred and persistence destined to see
A complete eclipse
of that hated sphere the sun

By the light unspoken
This language of brutality
Enraptured I have become unholy
Night’s arms welcome me

Nocturnal majesty
Sworn to black we’ll always be
Hatred and persistence destined to see
A complete eclipse
of that hated sphere the sun

Notturno

Tra le menzogne
delle nostre lingue parlanti un morto linguaggio
Prima degli gl’albori dei nostri cuori
Essi andranno a caccia
L’aroma del sangue eccita le narici
Per prima cosa elimina cotale sanguinario culto

Sprazzi scarlatti baluginano
in una visione così celestiale
Stringendo stretta la di lei carcassa
Un volto congelato nel tempo
Un distorto dialetto
per il prosciugamento delle vene
Sino allo straripare delle lenzuola del letto
Intrise d’una pioggia cremisi

Una deformata dizione di testi sacri insudiciati
Tradizioni immerse nella disgrazia vituperata
Padre, unico Profano
Verso il tuo regno della notte c’inginocchiamo

Maestà notturna
Dediti al buio noi sempre saremo

La dannazione è una dizione
Un mortal rivelazione
I nostri veleni gocciolano nei loro calici
Quanto son perfettamente celati
Tanto son eloquentemente trascritti
Ogni scrittura è così abilmente disgustosa

Pergamene incrostate
con prosa plasmatica
Profetizzano una notte imperitura
Le parole d’assoluta oscurità
dipingono d’ebano la mia anima
E mi conferiscono una potenza infernale

Una deformata dizione di testi sacri insudiciati
Tradizioni immerse nella disgrazia vituperata
Padre, unico Profano
Verso il tuo regno della notte c’inginocchiamo

Maestà notturna
Dediti al buio noi sempre saremo
Odio e persistenza son destinati ad esser scorti
Una totale eclisse
di quella disprezzata sfera solare

Da un bagliore inesprimibile
Questo linguaggio di brutalità
Estasiato io divenni dissacrante
Le braccia della notte mi diedero il benvenuto

Maestà notturna
Dediti al buio noi sempre saremo
Odio e persistenza son destinati ad esser scorti
Una totale eclisse
di quella disprezzata sfera solare

* traduzione inviata da Stefano Quizz

Tags: - 86 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .