Not what you see – Savatage

Not what you see (Non è ciò che vedi) è la tredicesima ed ultima traccia del decimo album dei Savatage, Dead Winter Dead, pubblicato il 24 ottobre del 1995.

Formazione dei Savatage (1995)

  • Zachary Stevens – voce
  • Al Pitrelli – chitarra
  • Chris Caffery – chitarra
  • Johnny Lee Middleton – basso
  • Jeff Plate – batteria
  • Jon Oliva – tastiere

Traduzione Not what you see – Savatage

Testo tradotto di Not what you see (Jon Oliva, Paul O’Neill) dei Savatage [Atlantic]

Not what you see

No life’s so short
it can’t turn around
You can’t spend your life living underground
For from above
you don’t hear a sound
And I’m out here, waiting
I don’t understand what you want me to be
It’s the dark you’re hating, it’s not who I am
But I know that it’s all that you see

No life’s so short
that it never learns
No flame so small
that it never burns
No page so sure
that it never turns
And I’m out here, waiting
I don’t understand what you want me to be
It’s the dark you’re hating, it’s not who I am
But I know that it’s all that you see

Can you live your life in a day,
putting every moment in play?
Never hear a word
that they say as the wheels go around
Tell me if you win would it show
in a thousand years, who would know?
As a million lives come and go
on this same piece of ground

Tell me would you really want to
See me leave this night without you
Would you ever look about you
Wondering where we might be
New York is so far away now
Tokyo, Berlin and Moscow
Only dreams from here but somehow
One day that world we will see

I don’t understand
I don’t understand
I don’t understand
I don’t understand
I don’t understand
I don’t understand
I don’t understand
I don’t understand…

…what I see.

I swear on tomorrow,
if you take this chance
Our lives are this moment,
the music, the dance
And here in this labyrinth of lost mysteries
I close my eyes on this night
and you’re all that I see

You’re all that I see

Non è ciò che vedi

Nessuna vita è così corta
da non poter essere trasformata
Non puoi passare la tua vita sottoterra
Perché non puoi sentire
ciò che proviene da sopra
E io sono là fuori, ad aspettare
Non capisco cosa cuoi che diventi
Odi il buio, e io non sono così
Ma so che è tutto ciò che vedi

Nessuna vita è così corta
da non poter imparare qualcosa vivendola
Nessuna fiamma è così corta
da non bruciare mai
Nessuna pagina è così sicura
da non venire mai girata
E io sono là fuori, ad aspettare
Non capisco cosa cuoi che diventi
Odi il buio, e io non sono così
Ma so che è tutto ciò che vedi

Puoi vivere la tua vita in un giorno,
e rendere ogni momento una recita?
Mentre le ruote girano
non senti mai ciò che dicono
Dimmi, se vincessi tutto si risolverebbe
in mille anni, chi lo saprà mai?
Milioni di vite vanno e vengono
su questo pezzo di terra

Dimmi, vuoi davvero
Che io me ne vada da questa notte senza di te?
Non penseresti mai
A dove potremmo essere?
Adesso New York è così lontana
Tokyo, Berlino e Mosca
Sono solo sogni, ma in qualche modo
Un giorno le vedremo…

Non capisco
Non capisco
Non capisco
Non capisco
Non capisco
Non capisco
Non capisco
Non capisco…

…Ciò che vedo

Lo giuro sul domani,
se coglierai quest’opportunità
Le nostre vite sono questo momento,
la musica, il ballo
Qua, in questo labirinto di misteri perduti
Chiudo gli occhi in questa notte
e tu sei tutto ciò che vedo

Sei tutto ciò che vedo

Tags: - 1.302 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .