A pleasant shade of gray – Fates Warning

A pleasant shade of gray (Una gradevole sfumatura di grigio) è l’unica traccia dell’ottavo album dei Fates Warning, pubblicato il 22 aprile del 1997. Il brano è una lunga suite di 55 minuti (la più lunga che sia mai stata composta dal gruppo del Connecticut) ed è divisa in dodici movimenti. La traccia (scritta interamente del mastermind della band, l’axe man Jim Matheos) rappresenta uno studio introspettivo e delicato dell’animo umano, in cui il concept è incentrato sui pensieri d’un individuo nel corso d’una notte piovosa sino al plumbeo mattino seguente, arco di tempo in cui esso ripensa a parole inespresse, alla solitudine, ai rimpianti e alla malinconia, facendosi rapire dalle notturne visioni, dalle contrastanti emozioni, dai vorticosi e confusionali sogni, e da tutto ciò che, mischiandosi, genera questa eterea e piacevole sfumatura di grigio che lo sovrasta, strattonandolo in alcuni momenti e cullandolo in altri. Per molti l’album del ’97 è il masterpiece dei Fates Warning, ove si fondono, sulla struttura d’un progressive metal d’elitè, generi dissonanti come l’industrial e lontani echi di musica classica, traendo ispirazione da Rush e Marillion nelle parti più distorte, mentre da Yes e Pink Floyd nelle sezioni più minimaliste e siderali. All’avvento di questo full-lengh, la line-up ha avuto ulteriori modifiche: infatti il chitarrista storico Frank Aresti e il bassista Joe DiBiase lasciano il gruppo, lasciando Matheos come unico membro della formazione degli esordi, mentre entrano tra le fila, insieme ai già presenti Roy Alder (vocalist) ed il virtuoso Mark Zonder (drums), il bassista Joey Vera degli Armored Saint di John Bush ed il tastierista Kevin Moore, ex Dream Theater, all’epoca recentemente sostituito da Derek Sherinian.

Formazione Fates Warning (1997)

  • Ray Alder – voce
  • Jim Matheos – chitarra
  • Joey Vera – basso
  • Mark Zonder – batteria
  • Kevin Moore – tastiere

Traduzione A pleasant shade of gray – Fates Warning

Testo tradotto di A pleasant shade of gray (Matheos) dei Fates Warning [Metal Blade]

A pleasant shade of gray

[Part I]

So where do we begin
And what else can we say?
When the lines are all drawn
What should we do today?

[Part II]

Are you listening?
Am I here screaming?
Drowning in a silent sea
Or only dreaming?

Drifting in and out
His mind never rests
Lying in shadows
Replaying a thousand regrets

Can you hear me?
Am I getting through?
A million miles away
Or here beside you?

Drifting in and out
His heart never forgets
Lying in shadows
Replaying a thousand regrets

And the minutes just pass
As the hours change
And the shifting sands
Slowly rearrange

Drifting in and out
His mind never rests
Lying in shadows
Replaying a thousand regrets

[Part III]

There’s a cloud above us
And there’s a shadow on us
And outside of us
Hangs this shade of gray

Rain falling
Hours crawling
All around this shade of gray

There’s a chill about us
And there’s a sadness with us
And deep within us
Lies this shade of gray

Rain falling
Hours crawling
All around this shade of gray
This shade of gray

(Rain’s falling, hours crawling)
“This shade of gray”

(Rain’s falling, hours crawling)
“This shade of gray”

There’s a space beside us
And there are miles between us
And all around us
Grows this shade of gray

Rain falling
Hours crawling
All around this shade of gray

Rain falling
Hours crawling
All around this shade of gray
This shade of gray

(Rain’s falling, hours crawling)
“This shade of gray”

(Rain’s falling, hours crawling)
“This shade of gray”

[Part IV]

Listen
Only us breathing
And the rain keeping time
Dividing the silence
In a distant thunder

Listen
Only hearts beating
And the rain keeping time
Measuring out the minutes
And taking us under

[Part V]

Murdered in Munich
Crucified in Rome
Was killing time
On the long road home

Let nothing bleed into nothing
And did nothing
Let nothing bleed into nothing
And did nothing at all

Withered in winter
Wished away the night
Was out of mind
While out of sight

Let nothing bleed into nothing
And did nothing
Let nothing bleed into nothing
And did nothing at all

Let nothing bleed into nothing
And did nothing
Let nothing bleed into nothing
And did nothing at all

Watched the days just pass
As the seasons changed
And the shifting sands
Slowly rearranged

But I will not eulogize
I won’t apologize
I will not defend
Anymore, anymore
I will not dramatize
I won’t soliloquize
I will not pretend
Anymore, anymore

I will not dramatize
I won’t soliloquize
I will not pretend
Anymore, anymore

[Part VI]

I know that I don’t know you
And you couldn’t know me
But time and space collided
And here we are… Here we are

I know that you don’t understand
And I can’t explain
But circumstance conspired
And here we are… Here we are

And I know we can’t
turn back all the years
Time reflected in a shade of gray
But I often wonder
what could have been
And I still hold
on to yesterday

And I know we’re not children any more
Innocence lost in a sea of gray
But I often wonder
what else could be
And I still dream of running away
(running away)
(running away)
(running away)
(running away)
(running away)
(running away)
(running away)
(running away)
(running away)
(running away)
(running away)

So where do we begin
And what else can we say?
When the lines are all drawn
What should we do today?

[Part VII]

Stare from the darkness
Hear the silence call
Devise divisions, delay decisions,
Watch the hours crawl and…

Let nothing bleed into nothing
And do nothing
Let nothing bleed into nothing
And do nothing at all

Recite soliloquies
To shadows on the wall
Revise revisions, reverse decisions
Watch our heroes fall and…

Let nothing bleed into nothing
And do nothing
Let nothing bleed into nothing
And do nothing at all

“I want you to do me a favor…”
“I want you to get a gun…
And just shoot me! Shoot me!”

Let nothing bleed into nothing
And do nothing
Let nothing bleed into nothing
And do nothing at all

Let nothing bleed into nothing
And do nothing
Let nothing bleed into nothing
And do nothing at all

[Part VIII]

Instrumental

[Part IX]

Stayed up late last night
Lying here in bed
Looking for words
To say the things I left unsaid
Wind at my window
Whispers to me instead
And I lie alone
Writing letters in my head

Where you are, I am
Through nights that never end
Where you are, I am
In words I’ll never send

Walked alone last night
Cold streets of could
be anywhere
Looking for words
To share the thoughts
I could not share
Road at my heels
Takes me away instead
And I walk alone
Writing letters in my head

Where you are, I am
Through streets that never end
Where you are, I am
In words I’ll never send

Where you are, I am
Through nights that never end
Where you are, I am
In words I’ll never send
Never, never send

Stayed up late last night
Lying here in bed
Still looking for words
Still writing letters in my head

[Part X]

Instrumental

[Part XI]

Do you think that I… That I remember?
Do you think that I… That I recall
When you were falling
And I just watched it all?

Do you think that I… That I remember?
Do you think that I… That I recall
When you were breaking
And I just let
the pieces fall?

Don’t you think that I remember?
Don’t you think that I recall
When you were alone… Oh, all alone
And I didn’t hear… Hear your call?
Call… Hear your call
Hear your call!
Hear your call…

[Part XII]

This shade of gray
This certain sadness
This cold morning light
And this silent madness
It hangs in the air
It hangs like a memory
It hangs like a cloud
It hangs on desperately
Between dark and light
Between was and be
Between young and old
Between you and me
Between you and me

I remember cities
And I remember rain
Like the sound of your voice falling
These memories and more remain

I remember winter
And I remember strain
Like the sound of your voice breaking
These memories and more remain

I remember the nights
And I remember pain
Like the sound of your voice alone
These memories and more remain

So where do we begin
And what else can we say?
When the lines are all drawn
What should we do today?

Close our eyes awhile
As morning shadows play
And listen to the rain
Wash the long night away
Face to face we’ll awake
To see another day
And with hope in our hearts
Embrace this shade of gray
This pleasant shade of gray

Una gradevole sfumatura di grigio

[Parte I]

Da dove quindi possiam noi cominciare
E cos’altro possiam noi aggiungere?
Quand’ormai tutti i tratti son delineati
Cosa mai dovremmo noi fare in quest’oggi?

[Parte II]

Stai ascoltando?
Son qui forse io ad urlare?
Sto affogando in un silente oceano
Oppure semplicemente sognando?

Trasportato sia dentro che fuori
Mai il suo genio ne degusta la quiete
Giacendo avvolto tra le ombre
Ripensando ad un migliaio di remore

Puoi forse udirmi?
Sto fors’io oltrepassando il valico?
Son al di là d’un milione di miglia
O semplicemente qui accanto a te?

Trasportato sia dentro che fuori
Mai il suo genio ne degusta la quiete
Giacendo avvolto tra le ombre
Ripensando ad un migliaio di remore

Ed i minuti meramente scorrono
Allo scoccare del cambio dell’ora
E le sabbie mobili
Flemmaticamente si protendono

Trasportato sia dentro che fuori
Mai il suo genio ne degusta la quiete
Giacendo avvolto tra le ombre
Ripensando ad un migliaio di remore

[Parte III]

Sopra noi v’è una nube
E sui nostri capi v’è un’ombra
E lungi dai nostri corpi
Pende sospesa questa sfumatura di grigio

Scende la pioggia
Avanzan le ore
Tutt’intorno a questa sfumatura di grigio

V’è un gelo ch’aleggia su noi
E v’è una mestizia che c’accompagna
E nel nostro profondo
Si cela questa sfumatura di grigio

Scende la pioggia
Avanzan le ore
Tutt’intorno a questa sfumatura di grigio
Questa sfumatura di grigio

(Sta scendendo la pioggia, avanzan le ore)
“Questa sfumatura di grigio”

(Sta scendendo la pioggia, avanzan le ore)
“Questa sfumatura di grigio”

V’è un vuoto alle nostre spalle
E vi sono miglia tra noi
E tutt’intorno a noi
S’accresce questa sfumatura di grigio

Scende la pioggia
Avanzan le ore
Tutt’intorno a questa sfumatura di grigio

Scende la pioggia
Avanzan le ore
Tutt’intorno a questa sfumatura di grigio
Questa sfumatura di grigio

(Sta scendendo la pioggia, avanzan le ore)
“Questa sfumatura di grigio”

(Sta scendendo la pioggia, avanzan le ore)
“Questa sfumatura di grigio”

[Parte IV]

Tendi l’orecchio
Al nostro unico respirar
Ed alla pioggia che segue il tempo
Scindendo così il silenzio
In un remoto tuono

Tendi l’orecchio
All’unico palpitar dei cuori
Ed alla pioggia che segue il tempo
Dosando i minuti
E sottomettendoci

[Parte V]

Assassinato a Monaco
Crocifisso a Roma
Veniva così straziato il tempo
Per tutta la lunga via verso casa

Lascia che niente s’estenda verso qualcosa
E compia qualcosa
Lascia che niente s’estenda verso qualcosa
E compia affatto qualcosa

Appassito in inverno
Spazzò via la notte
Fu persa ogni ragione
Mentr’era lontano da ogni sguardo

Lascia che niente s’estenda verso qualcosa
E compia qualcosa
Lascia che niente s’estenda verso qualcosa
E compia affatto qualcosa

Lascia che niente s’estenda verso qualcosa
E compia qualcosa
Lascia che niente s’estenda verso qualcosa
E compia affatto qualcosa

Osservai i giorni fluire
Al ritmo dell’alternanza delle stagioni
E le sabbie mobili
Flemmaticamente si protendono

Ma non scriverò encomio alcuno
Non proferirò una sola nota di dispiacere
Non farò mai scudo
Mai più, mai più
Non drammatizzerò
Non stenderò un solo soliloquio
Non mi coprirò del velo dell’ipocrisia
Mai più, mai più

Non drammatizzerò
Non stenderò un solo soliloquio
Non mi coprirò del velo dell’ipocrisia
Mai più, mai più

[Parte VI]

Io ben so che non ti comprendo
E tu non puoi contemplarmi
Sebben il tempo e lo spazio collimarono
E qui vi siam noi… Qui vi siam noi

Io ben so che tu non capisci
Ed io non posso spiegare
Sebben le circostanze complottarono
E qui vi siam noi… Qui vi siam noi

Ed io ben so che noi non possiam
riavvolgere tutti gl’anni
Il tempo è riflesso in una sfumatura di grigio
Sebben spesso io mi chieda
cos’io avrei potuto esser
Ed ancor io tempro il mio corpo
per il giorno precedente

E ben so che noi non siam più fanciulli
L’innocenza si smarrì in un mar di cenere
Sebben spesso io mi chieda
cos’altro possa essere
Ed ancor sogno di fuggire via
(Fuggire via)
(Fuggire via)
(Fuggire via)
(Fuggire via)
(Fuggire via)
(Fuggire via)
(Fuggire via)
(Fuggire via)
(Fuggire via)
(Fuggire via)
(Fuggire via)

Da dove quindi possiam noi cominciare
E cos’altro possiam noi aggiungere?
Quand’ormai tutti i tratti son delineati
Cosa mai dovremmo noi fare in quest’oggi?

[Parte VII]

Punta nelle tenebre lo sguardo tuo
Odi il richiamo del silenzio
Concepisci divisioni, procrastina decisioni,
Osserva le ore avanzare e…

Lascia che niente s’estenda verso qualcosa
E compia qualcosa
Lascia che niente s’estenda verso qualcosa
E compia affatto qualcosa

Recita soliloqui
Alle ombre proiettate sul muro
Rivedi le revisioni, inverti le decisioni
Osserva i nostri eroi crollare e…

Lascia che niente s’estenda verso qualcosa
E compia qualcosa
Lascia che niente s’estenda verso qualcosa
E compia affatto qualcosa

“Vorrei che tu mi facessi un favore…”
“Voglio che tu afferri in mano una pistola…
E soltanto che mi spari! Sparami!”

Lascia che niente s’estenda verso qualcosa
E compia qualcosa
Lascia che niente s’estenda verso qualcosa
E compia affatto qualcosa

Lascia che niente s’estenda verso qualcosa
E compia qualcosa
Lascia che niente s’estenda verso qualcosa
E compia affatto qualcosa

[Parte VIII]

Strumentale

[Parte IX]

Restai alzato sino ad ora tarda la notte scorsa
Giacendo qui nel letto
Alla strenua ricerca di parole
Per dire tutte quelle cose lasciate taciute
La brezza alla mia finestra
Sussurra invece a me
E solo son steso
Tracciando nella mia testa delle lettere

Ove sei tu, vi son io
Per tutta la durata d’una notte ch’è imperitura
Ove sei tu, vi son io
In parole che mai io pronuncerò

Passeggiai solo la notte scorsa
Gelide strade di un luogo
che può esser qualunque
Alla strenua ricerca di parole
Per condivider i pensieri
che non posso spartire
La strada sotto le mie suole
Mi sottrae invece
E solo cammino
Tracciando nella mia testa delle lettere

Ove sei tu, vi son io
Per tutta la durata d’una notte ch’è imperitura
Ove sei tu, vi son io
In parole che mai io pronuncerò

Ove sei tu, vi son io
Per tutta la durata d’una notte ch’è imperitura
Ove sei tu, vi son io
In parole che mai io pronuncerò
Mai, mai pronuncerò

Restai alzato sino ad ora tarda la notte scorsa
Giacendo qui nel letto
Ancor alla strenua ricerca di parole
Ancor tracciando nella mia testa delle lettere

[Part X]

Strumentale

[Part XI]

Pensi forse ch’io… Ch’io rimembri?
Pensi forse ch’io… Ch’io presti memoria
Mentre tu stavi precipitando
Ed io osservai solamente tutta la scena?

Pensi forse ch’io… Ch’io rimembri?
Pensi forse ch’io… Ch’io presti memoria
Mentre tu stavi cedendo
Ed io lasciai solamente
che i frammenti cadessero?

Non pensi forse ch’io rimembri?
Non pensi forse ch’io presti memoria
Mentre tu rimanevi solo… Oh, tutto solo
Ed io non udii… Udii te chiamarmi?
Chiama… Odo te chiamarmi
Odo te chiamarmi!
Odo te chiamarmi…

[Parte XII]

Questa sfumatura di grigio
Quest’inevitabile malinconia
Quest’artico bagliore mattutino
E questa silente follia
Essa aleggia nell’etere
Essa aleggia come un ricordo
Essa aleggia come una nube
Essa aleggia con disperazione
Tra il buio e l’aurora
Tra il fui ed il sono
Tra il giovane e l’antico
Tra me e te
Tra me e te

In me riecheggia il ricordo di metropoli
E rimembro la pioggia
Come il suono della tua voce che sprofonda
Queste memorie ed altro son quel che rimane

In me riecheggia il ricordo dell’inverno
E rimembro la tensione
Come il suono della tua voce che si spezza
Queste memorie ed altro son quel che rimane

In me riecheggia il ricordo delle notti
Ed io rimembro il dolore
Come il suono della tua voce sola
Queste memorie ed altro son quel che rimane

Da dove quindi possiam noi cominciare
E cos’altro possiam noi aggiungere?
Quand’ormai tutti i tratti son delineati
Cosa mai dovremmo noi fare in quest’oggi?

Chiudiam per un solo istante gl’occhi
Al suonar del simulacro della mattina
Ed ascoltiam la pioggia
Che spazza via la notte
Ci risveglierem faccia a faccia
Per scorger l’alba d’un altro dì
E con la speranza nei nostri cuori
Abbracciam questa sfumatura di grigio
Questa gradevole sfumatura di grigio

* traduzione inviata da Stefano Quizz

Tags:, - 409 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .