Reckoning day – Megadeth

Reckoning day (Giorno del giudizio) è la traccia che apre e il terzo singolo del sesto album dei Megadeth, Youthanasia, uscito il primo novembre del 1994.

Formazione dei Megadeth (1994)

  • Dave Mustaine – voce, chitarra
  • Marty Friedman – chitarra
  • David Ellefson – basso
  • Nick Menza – batteria

Traduzione Reckoning day – Megadeth

Testo tradotto di Reckoning day (Mustaine, Ellefson, Friedman, Menza) dei Megadeth [Capitol]

Reckoning day

I like the way that I make you itch
And all the reasons I give you to bitch
And how I make you wanna scream in pain
And feel your life is just a losing game

I like the way that you let me in
The way you look when the walls cave in
I like the way that your stomach knots
And how you cry for it all to stop

I like the way that you fool yourself
And make believe there’s nobody else
I like the way that you stand in line
And beg salvation from the empty skies

Don’t want no revenge
Ain’t no pay back time
It ain’t called getting even
Here comes the reckoning day

I like the things that you try to fake
And your face when I see you break
And that you say you will pray for me
You realize you are prey for me

I like the way you stay on attack
No matter what, I keep coming back
And how you try to hold me down
But you end up driven to the ground

Don’t want no revenge
Ain’t no pay back time
It ain’t called getting even
Here comes the reckoning day

Giorno del giudizio

Mi piace il modo in cui ti faccio impazzire
E tutte le ragioni per cui ti mando a puttane
E come ti faccio venire voglia di urlare con dolore
E sento che la tua vita è solo un gioco a perdere

Mi piace il modo in cui mi hai fatto entrare
Ciò che guardi mentre i muri crollano
Mi piace il modo in cui il tuo stomaco si annoda
E come urli per far sì che tutto smetta

Mi piace il modo in cui ti freghi da solo
E credi che non ci sia nessun altro
Mi piace il modo in cui sei fedele alla linea
E come chiedi la salvezza ai cieli vuoti

Non volere la rivincita
Non è ora della vendetta
Sarebbe arrivato anche senza chiamarlo
Arriva il giorno del giudizio

Mi piacciono le cose che tenti di fingere
E la tua faccia quando vedo la tua rottura
E come dici che pregherai per me
E realizzi che stai pregando per me

Mi piace il modo in cui stai all’attacco
Non importa come, continuerò a tornare
E mi piace come provi a tenermi calmo
Ma finisci in basso, a terra

Non volere la rivincita
Non è ora della vendetta
Sarebbe arrivato anche senza chiamarlo
Arriva il giorno del giudizio

Tags: - 1.197 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .