The reckoning (don’t tread on me) – Iced Earth

The reckoning (don’t tread on me) (La resa dei conti, non calpestarmi) è la traccia numero quattro del settimo album degli Iced Earth, The Glorious Burden, uscito il 12 gennaio del 2004. Don’t tread on me è il motto che compare nella bandiera di Gadsden. Essa contiene un serpente a sonagli su sfondo giallo e la scritta posizionata sotto il rettile. La bandiera prende il suo nome da Christopher Gadsden ed apparve per la prima volta nel 1775 durante la guerra di indipendenza americana.

Formazione Iced Earth (2004)

  • Jon Schaffer – chitarra
  • Tim Owens – voce
  • James MacDonough – basso
  • Richard Christy – batteria

Traduzione The reckoning (don’t tread on me) – Iced Earth

Testo tradotto di The reckoning (don’t tread on me) (Schaffer) degli Iced Earth [SPV]

The reckoning (don’t tread on me)

Destiny’s called us
It’s the reckoning
This time it’s for blood
Don’t tread on me
Revenge is not justice
It’s the reckoning
This time it’s for blood
Don’t tread on me

You went too far this time
for this heinous crime
You will know defeat
Begging on your knees

One by one you’ll fall
Your back against the wall
Nowhere to turn
You’re sure to burn

Destiny’s called us
It’s the reckoning
This time it’s for blood
Don’t tread on me

The hours close at hand
We’ll make our final stand
Justice shall be done
Nowhere to run

True evil broods in you
You’re just
a brainwashed fool
The coward close that hides
Spewing forth his lies

Revenge is not justice
It’s the reckoning
This time it’s for blood
Don’t tread on me

Born of destruction,
bred in agony
Is this my salvation?
From these ashes,
I am your devastation

If it was up to me
Eye for an eye I’d seek
But the high road we will take
Lady Justice is at stake

The Judgement has been made
In blood it shall be paid
Death knows what to do
The horseman comes for you.

Destiny’s called us
It’s the reckoning
This time it’s for blood
Don’t tread on me
Revenge is not justice
It’s the reckoning
This time it’s for blood
Don’t tread on me

La resa dei conti (non calpestarmi)

Il destino ci chiama
È la resa dei conti
Questa volta è per il sangue
Non calpestarmi
La vendetta non è giustizia
È la resa dei conti
Questa volta è per il sangue
Non calpestarmi

Sei andato troppo lontano questa volta
per questo crimine efferato
Conoscerete la sconfitta
supplicherai in ginocchio

Uno ad uno cadrete
siete spalle al muro
nessun posto dove girarsi
Sicuramente brucerete

Il destino ci chiama
È la resa dei conti
Questa volta è per il sangue
Non calpestarmi

Le ore a portata di mano
Faremo la nostra ultima resistenza
Giustizia sarà fatta
nessun posto dove correre

Del vero male cova in te
Sei solo uno sciocco
a cui hanno fatto il lavaggio del cervello
Il codardo vicino che si nasconde
vomitando le sue bugie

La vendetta non è giustizia
È la resa dei conti
Questa volta è per il sangue
Non calpestarmi

Nato nalla distruzione
allevato in agonia
È questa la mia salvezza?
Da queste ceneri,
io sono la tua devastazione

Se fosse per me
farei occhio per occhio
ma noi prenderemo la strada giusta
la Signora Giustizia scende in campo

La sentenza è stato emessa
in sangue sarà pagata
La morte sa cosa fare
Il cavaliere viene per voi.

Il destino ci chiama
È la resa dei conti
Questa volta è per il sangue
Non calpestarmi
La vendetta non è giustizia
È la resa dei conti
Questa volta è per il sangue
Non calpestarmi

Tags: - 113 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .