River of no return – Bruce Dickinson

River of no return (Il fiume del non ritorno) è la traccia numero sei del settimo album dei Bruce Dickinson, Tyranny of Souls pubblicato il 23 maggio del 2005.

Formazione Bruce Dickinson (2005)

  • Bruce Dickinson – voce
  • Roy Z – chitarra, basso
  • David Moreno – batteria
  • Mistheria – tastiere

Traduzione River of no return – Bruce Dickinson

Testo tradotto di River of no return (Dickinson, Roy Z) di Bruce Dickinson [Sanctuary]

River of no return

Break the bread and drink the wine
Seize the chalice suck the poison vine
There is frost in every sunbeam
water flows from the earth to sky
Looking down on every rose
nothing moves the wheel of heaven turns
As our fingers leave there trace,
we are gods in a world
we dared embrace

Now we’re lost, you can’t disguise,
the river of no return
Now it’s gone, you realize,
the river of no return

Growing embers of our ancient lives
We struggle hard
we live to turn the tide
Living longer in the astral waste
We stare each other,
we look death in the face
All my life in front of you,
lonely secrets hidden from your view.
Now we orbit a different sun, for eternity,
doomed to tell no one..

Now we’re lost, you can’t disguise,
the river of no return
Now it’s gone, you realize,
the river of no return

Now I’m truly all alone,
Canyon walls and the river of no return
I’m amazed at what I am,
I’ve never knew the feelings I ignored

Now we’re lost, you can’t disguise,
the river of no return
Now it’s gone, you realize,
the river of no return
And the anguish drives me on,
I wish I could return
All the love that washed away
Down the river of no return

Il fiume del non ritorno

Spezza il pane e bevi il vino
Afferra il calice succhia il vino velenoso
C’è il gelo in ogni raggio di sole
l’acqua scorre dalla terra al cielo
Porgi il tuo sguardo su ogni rosa
niente si muove, la ruota del Paradiso gira
Mentre le tue dita lasciano un segno
noi siamo gli dei in un mondo
che osiamo accogliere

Adesso siamo persi, tu non puoi mascherarlo,
il fiume del non ritorno
Adesso è andato, tu lo comprendi,
il fiume del non ritorno

Cresce le braci delle nostre vite passate
Noi lottiamo fino in fondo,
viviamo per invertire la tendenza
Vivendo  a lungo nel deserto astrale
Ci fissiamo l’un l’altro,
guardiamo la morte in faccia
Tutta la mia vita di fronte a te
segreti solitari nascosti alla tua vista
Adesso orbitiamo in un diverso sole, in eterno,
destinati a non raccontarlo a nessuno

Adesso siamo persi, tu non puoi mascherarlo,
il fiume del non ritorno
Adesso è andato, tu lo comprendi,
il fiume del non ritorno

Adesso sono veramente da solo
Pareti del canyon e il fiume del non ritorno
Sono stupito di ciò che sono
Io non capito i sentimenti che ignoravo

Adesso siamo persi, tu non puoi mascherarlo,
il fiume del non ritorno
Adesso è andato, tu lo comprendi,
il fiume del non ritorno
e l’angoscia mi guida,
io mi auguro di poter ritornare,
tutto l’amore che ho spazzato via
in fondo al fiume del non ritorno

Tags: - 158 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .