Seif Al Din – Epica

Seif Al Din (La spada della fede) è la traccia numero otto dell’album d’esordio degli Epica, The Phantom Agony, pubblicato il 5 giugno del 2003. Il brano parla del fondamentalismo islamico.

Formazione Epica (2003)

  • Simone Simons – voce
  • Mark Jansen – chitarra, voce
  • Ad Sluijter – chitarra
  • Yves Huts – basso
  • Jeroen Simons – batteria
  • Coen Janssen – tastiere

Traduzione Seif Al Din – Epica

Testo tradotto di Seif Al Din (Jansen, Sluijter, Janssen, S.Simons) degli Epica [Transmission]

Seif Al Din

The origin of a dogma
Placed in a new millennium
Vilified demons have been embraced
And given a warm welcome

The Seif al Din
Hasn’t got the ghost of a chance to rust
Because it has always been kept in shape
In serving th one Almighty

The rudiments have always been
misinterpreted during history,
despite the good intentions of many disciples
who’s faithful believe was strong and unswayed.
Most leaders interpret the old words
to their advantage in the attempt of gaining
leadership and power
over those unfortunate enough
to fall under their maliciousness
and manipulative ways.
This misuse of trust will forever
stain the pages of history,
echoing the exploitation
and the frailty of decent men
carried away by nurtured rancour…

Perpetual distrust fed by a belief
In the malevolence of the others

When the beautiful unreality holds out its hand
It’s better not to lose yourself in blind faith
La Illah Illallah, Mohammed rasul Allah

 

La spada della fede

L’origine di un dogma
Posto in un nuovo millennio
Demoni denigrati hanno ricevuto un abbraccio
E un caloroso benvenuto

La spada della fede
Non ha la possibilità di arruginire
Perché è sempre tenuta in forma
Al servizio dell’Onnipotente

“Gli insegnamenti fondamentali sono sempre
stati male interpretati nel corso della storia
a dispetto delle buone intenzioni di molti discepoli
il cui credo fedele era forte e non deviato.
Molti leader usano le antiche parole
a loro vantaggio nel tentativo di guadagnare
il comando e il potere
su quelli abbastanza sfortunati
da cadere sotto la loro malvagità
e manipolazione.
Questo abuso di potere di fiducia
macchierà per sempre le pagine della storia
echeggiando lo sfruttamento
e la fragilità di uomini onesti
traviati dal rancore nutrito”.

Sfiducia perpetua alimentata dal credo
Nella malevolenza altrui

Quando la bella irrealtà tende le sue mani
Sarebbe meglio non perdersi nella fede cieca
Sia lode ad Allah e a Maometto, suo profeta

Tags: - 629 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .