Shades of heavenly death – Fates Warning

Shades of heavenly death (Sfumature d’un celestiale decesso) è la traccia numero cinque del quarto album in studio dei Fates Warning, No Exit, pubblicato il 21 maggio del 1988.

Formazione Fates Warning (1988)

  • Ray Alder – voce
  • Jim Matheos – chitarra
  • Frank Aresti – chitarra
  • Joe DiBiase – basso
  • Steve Zimmerman – batteria

Traduzione Shades of heavenly death – Fates Warning

Testo tradotto di Shades of heavenly death (Aresti, DiBiase, Matheos, Zimmerman) dei Fates Warning [Metal Blade]

Shades of heavenly death

By black, we ride
or so they say
Our need for reason
Their greed is paid
Powers rumble
for spiritual sway
Paths are laid,
then leaders stray

It’s right then left,
which way to turn
Follow me
or forever burn
We evil blessed
Bring your soul to sell
All wish away
into empty wells

Fortunes found in holy halls
Redeem your every fault
When dogmas given
are blindly held
Treasures given caught

Any wish can only last
Until the spell’s descried
While subtle, wicked ways
They fracture weakened minds

Slaves of a different kind,
They march to broken bell
Freedom in a bind
and make it all sound well
Blackened blue,
etched in glass, forming outer walls
Tell clearly of the emptiness
And mute distressful calls

Lines lead to dead ends
where plays seen
Are never clear
And those who ride
never fare
Crowned voids forever
rule in worlds lived
And learned of fools
Conformity’s the teachers’ tool

Sfumature d’un celestiale decesso

Dal buio, noi fuggiamo
o almeno così dicono
Il nostro bisogno d’uno scopo,
Paga è la loro avidità
Forze che rimbombano
sotto l’influenza spirituale
Stesi son i tappeti rossi,
e le guide poi smarriscon la strada

Ciò ch’è destra muta in sinistra,
ch’è la via da percorrere
Seguimi appresso
o abbandonati in eterno alle fiamme
Noi santifichiam l’empio ente
Prendi la tua anima per poi rivenderla
Ogni tuo desiderio
gettato in fondo ad un vacuo pozzo

Pecunie scovate in sante aule
Riscattano ogni tuo fallimento
Quando i dogmi ricevuti
vengon ciecamente osservati
E ogni dono prezioso offerto vien depredato

Qualsiasi desiderio  può solamente durare
Sino a che l’incantesimo discerne
Al contrario di sottili, empie vie
Essi spezzano le menti deboli

Succubi d’un genere diverso
Essi marciano verso una campana infranta
Libertà in un fascio
e fanno sì che ogni cosa suoni appetibile
D’un blu tetro,
intagliato nel vetro, formante lontane mura
Narrami con chiarezza dell’oblio
E dei silenti richiami carichi di dolore

Le strade che portano alla morte
e dove si scorgono le recite
Mai son cristalline
E coloro che sopra ci marciano
non hanno fortuna
I mondi vuoti incoronati
per sempre regneranno in mondi in cui vissero
E appresero di stolti
Strumenti dei maestri del conformismo

* traduzione inviata da Stefano Quizz

- 49 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .