Shy – Sonata Arctica

Shy (Timido) è la traccia numero quattro del terzo EP dei Sonata Arctica, Takatalvi pubblicato il 21 novembre del 2003.

Formazione Sonata Arctica (2003)

  • Tony Kakko – voce, tasitere
  • Jani Liimatainen – chitarra
  • Marko Paasikoski – basso
  • Tommy Portimo – batteria

Traduzione Shy – Sonata Arctica

Testo tradotto di Shy (Kakko) dei Sonata Arctica [Spinefarm]

Shy

I can see how you are beautiful,
can you feel my eyes on you,
I’m shy and turn my head away
Working late in diner Citylite,
I see that you get home alright
Make sure that you can’t see me,
hoping you will see me

Sometimes I’m wondering why
you look me and you blink your eye
You can’t be acting like my Dana
I see you in Citylite diner serving all those meals
and then I see reflection of me in your eye,
oh please

Talk to me, show some pity
You touch me in many, many ways
But I’m shy can’t you see

Obsessed by you, your looks,
well, anyway “I would any day die for you”,
I write on paper & erased away
Still I sit in diner Citylite,
drinking coffee and reading lies
Turn my head and I can see you,
could that really be you

Sometimes I’m wondering why
you look me and you blink your eye
You can’t be acting like my Dana?
I see your beautiful smile
and I would like to run away from
Reflections of me in your eyes, oh please

Talk to me, show some pity
You touch me in many, many ways
But I’m shy can’t you see

I see, can’t have you,
can’t leave you there
‘cos I must sometimes see you
But I don’t understand
how you can keep me in chains
And every waken hour,
I feel your taking power from me
and I can’t leave
Repeating the scenery over again

Sometimes I’m wondering why
you look me and you blink your eye
You can’t be acting like my Dana?
I see your beautiful smile
and I would like to run away from
Reflections of me in your eyes, oh please

Talk to me, show some pity
You touch me in many, many ways
But I’m shy can’t you see

Timido

Posso vedere quanto sei bella,
puoi sentire il mio sguardo su di te?
Sono timido, e giro la faccia
Lavori fino a terdi al Citylite,
vedo che stai tornando a casa, bene
Sto attento che tu non mi noti,
ma spero comunque che tu mi veda

A volte mi chiedo perchè
mi guardi e mi strizzi l’occhio
Non puoi essere come la mia Dana
Ti vedo al Citylite servendo ai tavoli,
e poi vedo il mio riflesso nei tuoi occhi,
oh, ti prego

Parlami, abbi pietà
Mi tocchi in molti, molti modi,
ma io sono timido, non lo capisci?

Sono ossessionato da te, dal tuo aspetto,
bene, comunque “Morirei ogni giorno per te”,
scrivo sul foglio e cancello subito dopo
Sono ancora al Citylite,
bevendo caffè e leggendo bugie
Mi giro e ti vedo,
sei davvero tu?

A volte mi chiedo perchè
mi guardi e mi strizzi l’occhio
Non puoi essere come la mia Dana
Vedo il tuo splendido sorriso,
e vorrei scappare dal
mio riflesso nei tuoi occhi, oh, ti prego…

Parlami, abbi pietà
Mi tocchi in molti, molti modi,
ma io sono timido, non lo capisci?

Lo capisco, non posso averti,
ma non posso dimenticarti,
perchè ogni tanto devo vederti
Non capisco
come riesci a tenermi prigioniero
Ogni ora in cui sono sveglio
sento che prendi la mia energia,
e io non posso andarmene
Mi succede ogni volta

A volte mi chiedo perchè
mi guardi e mi strizzi l’occhio
Non puoi essere come la mia Dana
Vedo il tuo splendido sorriso,
e vorrei scappare dal
mio riflesso nei tuoi occhi, oh, ti prego…

Parlami, abbi pietà
Mi tocchi in molti, molti modi,
ma io sono timido, non lo capisci?

Tags:, , - 2.023 visite

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .