The day and the night – Candlemass

The day and the night (Il giorno e la notte) è la nona ed ultima traccia numero quattro dell’ottavo album omonimo dei Candlemass, pubblicato il 3 maggio del 2005. Il LaVey citato nel testo è Anton Szandor LaVey, esoterista, musicista e scrittore statunitense e fondatore della Chiesa di Satana.

Formazione Candlemass (2005)

  • Messiah Marcolin – voce
  • Mats Mappe Björkman – chitarra
  • Lars Johansson – chitarra
  • Leif Edling – basso
  • Jan Lindh – batteria

Traduzione The day and the night – Candlemass

Testo tradotto di The day and the night (Edling) dei Candlemass [Nuclear Blast]

The day and the night

I woke up with a scream in my throat
Something evil I saw then I choked
Never thought I would dream of LaVey
And never see the light of day

Then the dawn reeked of swine like a slut
I’m in bed as the light goes so dim
And the globe of ascent turned to sut
A new night came rolling in

When you come I greet you
We are the same
And we make love
In the dark

You can hide, I see you
The night’s alive, I know
To survive, I need you
And you need me

You’re cruel and corrupt
Please make it stop
I should be fast asleep
but I’m still up
Nowhere to run
I know it has begun
I’m not sure I’ll see tomorrow’s sun

I ride the mare
To hell and back
In this madness
I sweat and burn

Every night I’m sleepless
Every hour a spell
Every minute a lost life
A year in hell

Yes, the day is the czar of the night
And the moon is the sun’s other side
So the night is the scar of the day
And the shit won’t go away

Sometimes long and wonderful
Sometimes cool and full of soul
Sometimes crude and grim and foul
The day is warm, the night is cold so cold

Lost in the dark
I’m lost in the dark

Il giorno e la notte

Mi sono svegliato con un urlo in gola
Ho visto qualcosa di maligno e poi sono soffocato
Non avevo mai pensato che avrei sognato LaVey
E poi di non rivedere la luce del giorno

L’alba puzzava come un porco, come una puttana
Io sono a letto quando il sole si offusca
E il globo della salita si è trasformato in uno schifo
Una nuova forza è cresciuta in me

Quando arriverai ti darò il benvenuto
Siamo uguali
E facciamo l’amore
Nell’oscurità

Puoi nasconderti, ma io ti vedo
La notte è viva, lo so
Mi servi per sopravvivere
E io servo a te

Sei crudele e corrotta
per favore, fermati
Dovrei addormentarmi alla svelta
ma sono ancora in piedi
Non ha luogo dove scappare
So che è iniziata
Non sono sicuro se vedrò il sole di domani

Io cavalco la cavalla
All’inferno e ritorno
In questa pazzia
Sudo e brucio

Ogni notte soffro d’insonnia
Ogni ora pronuncio un incantesimo
Ogni minuto perdo una vita
Passerò un anno all’inferno

Sì, il giorno è lo zar della notte
E la lune è l’altro lato del sole
E così la notte è la cicatrice del giorno
E la merda non se ne andrà

A volte è lunga e splendida
A volte è fredda e piena di anime
A volte è cruda, lugubre e tetra
Il giorno è caldo, la notte è fredda

Perso nel buio
Sono perso nel buio

Tags: - 81 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .