The forest whispers my name – Cradle of Filth

The forest whispers my name (La foresta sospira il mio nome) è la traccia numero tre del primo album dei Cradle of Filth, The Principle of Evil Made Flesh, pubblicato il 24 febbraio del 1994.

Formazione Cradle of Filth (1994)

  • Dani Filth – voce
  • Paul Allender – chitarra
  • Paul Ryan – chitarra
  • Robin Eaglestone – basso
  • Nicholas Barker – batteria
  • Benjamin Ryan – tastiere

Traduzione The forest whispers my name – Cradle of Filth

Testo tradotto di The forest whispers my name (Filth) dei Cradle of Filth [Cacophonous]

The forest whispers my name

Black candles dance to an overture
But I am drawn past
their flickering lure
To the breathing forest
that surrounds the room
Where the vigilant trees
push out of the womb

I sip the blood-red wine
My thoughts weigh heavy
with the burden of time
From knowledge drunk
from the fountain of life
From Chaos born out
of love and the scythe
The forest beckons
with her nocturnal call
To pull me close amid the baying of wolves
Where the bindings of christ
are down-trodden with scorn
In the dark, odiferous earth

We embrace like
two lovers at death
A monument to the trapping of breath
As restriction is bled
from the veins of my neck
To drop roses on my marbled breast
I lust for the wind
and the flurry of leaves
And the perfume of flesh
on the murderous breeze
To learn from the dark
and the voices between

This is my will…

The forest whispers my name…
again and again

When the moon is full
We shall assemble to adore
The potent spirit of your Queen,
My mother great Diana.
She who fain would
learn all sorcery
Yet has not won
its deepest secrets,
Then my mother will
Teach her, in truth
All things as yet unknown

I walk the path
To the land of the Dark Immortals
Where the hungry ones will carry my soul
As the wild hunt careers through the boughs

Come to me, my Pale Enchantress
In the moon of the woods we kiss

Artemis be near me
In the arms of the ancient oak
Where daylight hangs
by a lunar noose
And the horned,
hidden one is re-invoked

The principle of Evil
Evolution has been recalled
Beneath the spread
of a Magickal Aeon
I stand enthralled
…In the whispering forest

“Pale, beyond porch and portal,
Crowned with leaves, she stands,
Who gathers all things mortal,
With cold immortal hands,
Her languid lips are sweeter,
Than love’s who fears to greet her,
To men that mix and meet her,
From many times and lands”

La foresta sospira il mio nome

Candele nere danzano un’overture
Ma vengo attratto al di là
del loro fiammeggiante richiamo
Verso la foresta respirante
che circonda la sala
Dove gli alberi attenti
spingono fuori dal ventre

Sorseggio il vino rosso sangue
I miei pensieri diventano più grevi
con il peso del tempo
Dalla conoscenza bevuta
dalla fontana della vita
Dal Caos nato
dall’amore e dalla falce
La foresta mi accenna
il suo richiamo notturno
Per farmi avvicinare fra i latrati dei lupi
Dove gli ordini di cristo s
ono calpestati nel disprezzo
Nell’oscura, odorosa terra

Ci abbracciamo come
due amanti in punto di morte
Un monumento all’arrestarsi del respiro
Così come la restrizione sgorga
dalle vene del mio collo
Per gocciolare rose sul mio petto di marmo
Desidero ardentemente il vento
e il fremere delle foglie
E il profumo della carne
nella brezza assassina
Per imparare dall’oscurità
e dalle voci che vi sono in mezzo

Questo è il mio volere…

La foresta sospira il mio nome…
ancora e ancora…

Quando la luna è piena
Ci uniremo per adorare
Il potente spirito della tua Regina,
Mia madre, la grande Diana
Colei che volentieri
apprenderebbe ogni stregoneria
Non ha ancora vinto
i suoi più profondi segreti
E allora mia madre le
Insegnerà, in verità
Ogni cosa ancora sconosciuta

Cammino per il sentiero
Che porta alla terra degli Oscuri Immortali
Dove gli affamati porteranno la mia anima
Nella folle corsa della caccia selvaggia fra i rami

Vieni a me, mia pallida Incantatrice
Nella luna dei boschi ci baciamo

Artemide stammi vicina
Fra le braccia dell’antica quercia
Dove la luce del sole pende
dai cappi della luna
E colui che ha le corna,
che si nasconde è invocato di nuovo

Il principio del Male
L’evoluzione è stata richiamata
Sotto l’espandersi
di una Magica Eternità
Io sono ammaliato
…nella foresta sospirante

“Pallida, al di là di portici e portali,
Incoronata da foglie, sta lei,
Che raduna ogni cosa mortale
Con immortali mani fredde,
Le sue languide labbra sono più dolci
Dell’amore che teme di accoglierla
Per gli uomini che si uniscono e la incontrano
Da molti tempi e terre”

Tags: - 233 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .