The greatest show on earth – Nightwish

The greatest show on earth (Il più grande spettacolo sulla terra) è la traccia numero undici dell’ottavo album dei Nightwish, Endless Forms Most Beautiful, pubblicato il 27 marzo del 2015.

Formazione Nightwish (2015)

  • Floor Jansen – voce
  • Emppu Vuorinen – chitarra
  • Marco Hietala – basso
  • Tuomas Holopainen – tastiere
  • Troy Donockley – flauti

Traduzione The greatest show on earth – Nightwish

Testo tradotto di The greatest show on earth (Holopainen, Hietala) dei Nightwish [Nuclear Blast]

The greatest show on earth

[1. Four Point Six]

Archaean horizon
The first sunrise
On a pristine Gaea
Opus perfectum
Somewhere there
Us sleeping

“After sleeping through
a hundred million centuries
we have finally opened our eyes
on a sumptuous planet,
sparkling with color, bountiful with life.
Within decades we must close
our eyes again. Isn’t it a noble,
an enlightened way of
spending our brief time in the sun,
to work at understanding the universe
and how we have come to wake up in it?”
[Professor Richard Dawkins]

[2. Life]

The cosmic law of gravity
Pulled the newborns around a fire
A careless, cold infinity in every vast direction

Lonely farer in the Goldilocks zone
She has a tale to tell
From the stellar nursery into a carbon feast
Enter LUCA

The tapestry of chemistry
There is a writing in the garden
Leading us to the mother of all

We are one
We are a universe
Forbears of what will be
Scions of the Devonian sea

Aeons pass
writing the tale of us all
A day-to-day new opening
For the greatest show on Earth

Ion channels welcoming the outside world
to the stuff of stars
Bedding the tree of a biological holy
Enter life

The tapestry of chemistry
There is a writing in the garden
Leading us to the mother of all

We are one
We are a universe
Forbears of what will be
Scions of the Devonian sea

Aeons pass
Writing the tale of us all
A day-to-day new opening
For the greatest show on Earth

We are one
We are a universe
Forbears in what will be
Scions of the Devonian sea

Aeons pass
writing the tale of us all
A day-to-day new opening
For the greatest show on Earth

We are here to care for the garden
The wonder of birth
Of every form most beautiful

[3. The Toolmaker]

After a billion years
The show is still here
Not a single one of your fathers died young
The handy travelers
out of Africa
Little Lucy of the afar

Gave birth to fantasy
To idolatry
To self-destructive weaponry
Enter the god of gaps
Deep within the past
Atavistic dread of the hunter

Enter Ionia, the cradle of thought
The architecture of understanding
The human lust to feel so exceptional
To rule the Earth

Hunger for shiny rocks
For giant mushroom clouds
The will to do just as you’d be done by
Enter history, the grand finale
Enter Ratkind

Man, he took his time in the sun
Had a dream to understand
A single grain of sand
He gave birth to poetry
But one day’ll cease to be
Greet the last light of the library

We were here
We were here
We were here
We were here

[4. The Understanding]

“We are going to die,
and that makes us the lucky ones.
Most people are
never going to die because
they are never going to be born.
The potential people who could have been
here in my place
but who will in fact never
see the light of day outnumber
the sand grains of Sahara.
Certainly those unborn ghosts
include greater poets than Keats,
scientists greater than Newton.
We know this because
the set of possible people
allowed by our DNA so massively exceeds
the set of actual people.
In the teeth of those stupefying odds
it is you and I,
in our ordinariness, that are here.
We privileged few, who won
the lottery of birth against
all odds, how dare we whine
at our inevitable return to
that prior state from which
the vast majority have never stirred?”
[Professor Richard Dawkins]

[5. Sea-Worn Driftwood]

“There is grandeur
in this view of life,
with its several powers,
having been originally breathed
into a few forms or into one;
and that whilst this planet
has gone cycling on according
to the fixed law of gravity,
from so simple a beginning
endless forms most beautiful
and most wonderful have been,
and are being, evolved.”
[Charles Darwin]

Il più grande spettacolo sulla terra

[1. Quattro punto Sei]

Orizzonte archeano
La prima alba
Su una Terra immacolata
Opera perfetta
Là, da qualche parte,
ci addormentiamo

“Dopo aver dormito
per centinaia di milioni di secoli
Abbiamo finalmente aperto gli occhi
su un pianeta sontuoso
Brillante di colori, abbondante di vita.

Nelle decadi dovremo chiudere
gli occhi di nuovo
. Non è un nobile
ed illuminante modo di
trascorrere il nostro breve tempo nel sole,
di lavorare alla comprensione dell’universo
e di come ci siamo svegliati in esso?”

[Professore Richard Dawkins]

[2. Vita]

La legge cosmica dei gravità
Spinse i neonati attorno ad un fuoco
Un distratto, freddo infinito in ogni vasta direzione

Un solitario lontano nella zona Riccioli d’Oro
Lei ha una storia da raccontare
Da un asilo stellare ad un banchetto di carbonio
Entra LUCA.

L’arazzo della chimica
C’è una scrittura in giardino
Che ci conduce alla madre di tutti

Siamo unici
Siamo un universo
Antenati di quello che sarà
Eredi del mare Devoniano

Le eternità passano
Scrivendo la storia di tutti noi
Una nuova apertura giorno per giorno
Per il più grande spettacolo sulla terra

Canali di ioni accolgono il mondo esterno
alle cose delle stelle
Ospitando l’albero di un biologico santo
Entra la vita

L’arazzo della chimica
C’è una scrittura in giardino
Che ci conduce alla madre di tutti

Siamo unici
Siamo un universo
Antenati di quello che sarà
Eredi del mare Devoniano

Le eternità passano
Scrivendo la storia di tutti noi
Una nuova apertura giorno per giorno
Per il più grande spettacolo sulla terra

Siamo unici
Siamo un universo
Antenati di quello che sarà
Eredi del mare Devoniano

Le eternità passano
Scrivendo la storia di tutti noi
Una nuova apertura giorno per giorno
Per il più grande spettacolo sulla terra

Siamo qui per prenderci cura del giardino
La meraviglia della nascita
Di ogni forma più bella

[3. L’utensilista]

Dopo un miliardo di anni
Lo spettacolo è ancora qui
Non uno dei vostri padri è morto giovane.
I viaggiatori a portata di mano
fuori dall’Africa
La piccola Lucy da lontano.

Ho dato i natali alla fantasia
All’idolatria
alle armi auto distruttive
Entra il dio della lacune
nel profondo del passato
L’atavico terrore del cacciatore

Entra Ionia, la culla del pensiero
L’architettura della comprensione
La bramosia umana di sentirsi così eccezionali
Da governare la Terra

Fame di pietre lucenti
Di giganti funghi atomici
La volontà di fare ciò per cui sei stato fatto
Entra la storia,  il grande finale
Entra il Sorcide

L’uomo si è preso il suo tempo nel sole
Aveva un sogno da comprendere
Un singolo granello di sabbia
Ha dato vita alla poesia
Ciò che un giorno finirà di esistere
Saluta l’ultima notte della biblioteca

Siamo stati qui
Siamo stati qui
Siamo stati qui
Siamo stati qui

[4. La comprensione]

“Stiamo per morire,
e questo ci rende quelli fortunati.
La maggior parte delle persone
non morirà mai perché
Non nasceranno mai.
Il numero delle persone che potrebbero
essere qui al mio posto,
ma che di fatto non vedranno mai
la luce del sole, supera di gran lunga
il numero di granelli di sabbia del Sahara.
Certamente quei fantasmi non nati
includono poeti più grandi di Keats,
scienziati più grandi di Newton.
Lo sappiamo perché
l’insieme di persone possibili
Consentite dal nostro DNA, supera di
gran lunga l’insieme delle persone attuali.
Nonostante queste stupefacenti probabilità, voi ed io,
nella nostra ordinarietà, siamo qui.
Noi pochi privilegiati, che abbiamo vinto
la lotteria della nascita contro
ogni previsione, come osiamo lamentarci
del nostro inevitabile ritorno a
quello stato precedente nel quale la
grande maggioranza non si è mai integrata?”
[Professore Richard Dawkins]

[5. Legno trasportato a riva dall’acqua]

“C’è qualcosa di grandioso
in questa visione della vita,
con le sue molte capacità

Che inizialmente fu data
a poche forme o ad una sola

e che, mentre il pianeta
seguita a girare secondo 

la legge immutabile della gravità,
si è evoluta e si evolve, 

Partendo da inizi così semplici,
fino a creare i
nfinite forme
estremamente belle e meravigliose.”

[Charles Darwin]

Tags: - 690 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .