The one to sing the blues – Motörhead

The one to sing the blues (Quello che canta il blues) è la traccia che apre il nono album dei Motörhead, 1916, pubblicato il 2 febbraio del 1991.

Formazione Motörhead (1991)

  • Lemmy Kilmister – voce, basso
  • Phil Campbell – chitarra
  • Würzel – chitarra
  • Phil Taylor – batteria

Traduzione The one to sing the blues – Motörhead

Testo tradotto di The one to sing the blues (Kilmister, Burston, Campbell, Taylor) dei Motörhead [WTG]

The one to sing the blues

Don’t know what I did
to make you feel that way,
I can’t always say just
what I want to say,
I’m out of place again,
you’re on my case again,
Bringing up the past &
sling it in my face again,
Put me in the frame,
So even if I win I lose,
Going down slow ain’t the only way to go,

Listen to me honey,
gonna tell you something funny,
Miss me when I’m gone
you’ll be the one to sing the blues,

Seems to me the good times
ended way to soon,
Seems like faded echoes
in an empty room,
Strangers in the night,
strangers in the light,
Seems like every word we say
just makes us scratch and bite,
Thought we had the answers,
Sure we couldn’t lose,
What you want from me,
Is all the things that I can’t be,

Listen to me baby,
I’m beginning to go crazy,
Miss me when I’m gone
you’ll be the one to sing the blues,

More it think about it
it’s a goddamn shame,
Opposites attract
’til they become the same,
Daggers in our eyes,
time to say goodbye,
Time to stop pretending,
time to stop the endless lies,
I wish you luck, babe,
I hope you find a dream and it comes true,
What my eyes can’t see
don’t make no difference to me

Listen to me faking,
even though me heart is breaking,
miss you now you’re gone,
now I’m the one to sing the blues.

Quello che canta il blues

Non so cosa ho fatto
per farti sentire così bene
Non posso sempre dire
ciò che voglio davvero dire
Sono fuori posto un’atra volta,
e tu ci pensi ancora,
Mi riporti in mente il passato
e me lo sbatti in faccia
Mettimi in cornice,
Così se anche vinco ho perso,
Affondare lentamente non è l’unico modo

Ascoltami tesoro,
di dirò qualcosa di divertente,
Ti mancherò quando sarò andato
e sarai tu quella che canta il blues

Mi sembra che i bei tempi
siano finiti troppo presto,
Sembrano echi evanescenti
in una stanza vuota,
Stranieri nella notte,
stranieri nella luce,
Sembra che ogni parola che diciamo
ci faccia litigare
Anche se pensavamo di avere le risposte,
E credevamo che non avremmo mai perso,
Ma ciò che tu vuoi da me,
È l’unica cosa che non posso darti

Ascoltami piccola,
comincio ad impazzire,
Ti mancherò quando sarò andato
e sarai tu quella che canta il blues

Più ci penso più mi rendo conto
che è una dannato peccato
Gli opposti si attraggono
finché non diventano uguali,
Pugnali nei tuoi occhi,
è tempo di dirsi addio,
È ora di smetterla di far finta,
dobbiamo mettere fine a tutte queste bugie
Ti auguro ogni bene piccola,
spero tu trovi un sogno e che si avveri,
Quello che i miei occhi non vedono
per me non fa differenza

Ascoltami imbrogliona,
anche se il mio cuore si sta spezzando
Mi manchi adesso che te ne sei andata
ora sono io quello che canta il blues

Tags: - 445 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .