The Puppet Master – King Diamond

Midnight (Mezzanotte) e The Puppet Master (Il signore delle marionette) sono le prime traccie dell’undicesimo album di King Diamond, The Puppet Master, pubblicato il 21 ottobre del 2003.

Formazione King Diamond (2003)

  • King Diamond – voce, tastiere
  • Andy LaRocque – chitarra, tastiere
  • Mike Wead – chitarra
  • Hal Patino – basso
  • Matt Thompson – batteria
  • Livia Zita – voce addizionale

Traduzione Midnight – King Diamond

Testo tradotto di The Puppet Master (Diamond) di King Diamond [Metal Blade]

[“You cannot make Puppets out of dead people’s bodies, and then bring them to life for real. Even if you could, DON’T TRY!!! The following story is mostly written from the nightmares of a sick child. A sick child, who still can’t find the Light. Me.]

[“Non si può rendere il corpo di una persona una marionetta, e poi farla tornare in vita. Ma anche se sai come si fa, NON PROVARCI! Questa storia è basata principalmente sugli incubi di un bambino malato. Un bambino malato che continua a non vedere la luce. Io.” ]

Midnight

Midnight…
I see the snow that’s falling
Midnight…
Still hanging on this wall

I’m thinking back in time
To when there was still a life
Free of misery
Oh…But it was never to be

Midnight…
I see the snow that’s falling
Midnight…
And still you’re haunting me

I’m thinking back in time
To the cellar in the darkest night
All the misery
All…The blood I had to see

Midnight…Midnight…
Midnight…Midnight…
They’re ready for the show
Now the blood must flow
They’re waiting above
Oh Noooo!

“Let the show begin”

Mezzanotte

È mezzanotte…
vedo la neve che sta cadendo
È mezzanotte…
sono ancora appeso a questo muro

Penso al passato
Penso a quando avevo ancora una vita
Libera dalla miseria
Oh… Ma non sarebbe durata tanto

È mezzanotte…
vedo la neve che sta cadendo
È mezzanotte…
e tu continui a tormentarmi

Penso al passato
Penso alla cantina e alla notte più oscura
A tutta la miseria
E a tutto… il sangue che ho dovuto vedere

Mezzanotte… Mezzanotte…
Mezzanotte… Mezzanotte
Sono pronti per lo spettacolo
Il sangue deve scorrere
Mi stanno aspettando lassù
Oh Nooooo!

“Che inizi lo spettacolo”

Traduzione The Puppet Master – King Diamond

Testo tradotto di The Puppet Master (Diamond) di King Diamond [Metal Blade]

The Puppet Master

Night time in Budapest
So many people are waiting in line
Darkness without a glow
What a night to be watching
a Christmas show

What a magical mystery feeling
Dancing at the end of their silvery strings
Almost human in size
Like children with plague in their flesh
These Puppets are oh so grotesque

Night time in Budapest
The Puppet Theater is so dark inside
Gas lamps light the stage
We’re watching as the curtain begins to rise

What a magical mystery feeling
Dancing at the end of their silvery strings
Almost human in size
Like children with plague in their flesh
These Puppets are so grotesque

Sssssshhhh…here come the Puppets
There is 1..2…I see 3 Puppets
waiting in the wing
Then they start to walk, in line
And suddenly they’re all on the stage

I see the Puppet Master high above
on the walkway
He pulls one string and up goes a leg..
Down goes a head
He pulls one more and he lets them all go!

No strings,
none of them fall,
no strings at all…

I take a look at the Little Drummer Boy,
up on the stage.. Oh no
I think he looked at me..me, is he alive?
I get a little scared…
as he starts to play his drum
On the skin of his hand,
I see a little cut…BLOOD

Night time in Budapest
So many things here
are not what they seem
But we love them all
What a night to remember forevermore

What a magical mystery feeling
Dancing at the end of their silvery strings
Almost human in size
Like children with plague in their flesh
These Puppets are so grotesque

The show has come to an end
The Master himself is on the stage
With his children, the curtain must fall
And then the Puppets they are…Gone

Il signore delle marionette

È notte a Budapest
Molte persone stanno aspettando in fila
Non c’è la minima luce nell’oscurità
Che magica notte per guardare
uno spettacolo di Natale

Che magica sensazione misteriosa
Loro ballano alle estremità dei loro fili argentei
Sono grandi quasi come degli umani
Sono come bambini con delle piaghe nella carne
Queste marionette sono oh, così grottesche

È notte a Budapest
E il Teatro delle Marionette è così buio
Delle lampade a gas illuminano il palco
Stiamo a guardare il sipario che si alza

Che magica sensazione misteriosa
Loro ballano alle estremità dei loro fili argentei
Sono grandi quasi come degli umani
Sono come bambini con delle piaghe nella carne
Queste marionette sono così grottesche

Sssssshhh… arrivano le marionette
Eccone una… due… vedo tre marionette
che stanno aspettando a lato del palco
Poi iniziano a camminare, allineate
E improvvisamente sono tutte sul palco

Vedo il Signore delle Marionette in alto,
sulla passatoia
Tira un filo a si alza una gamba…
e si abbassa una testa
Ne tira un altro e poi li lascia tutti!

Non ci sono più i fili,
ma nessuna marionetta cade,
non ci sono fili…

Guardo il piccolo ragazzo del tamburello
sul palco… Oh no
Penso che mi stia guardando… Oddio, è vivo?
Mi spavento un po’…
e intanto lui inizia a suonare il suo tamburo
Vedo una piccola ferita sulla pelle
della sua mano… SANGUE

È notte a Budapest
Qua ci sono tante cosa
che non sono ciò che sembrano
Ma a noi piacciono tutte
Che notte, la ricorderò per sempre

Che magica sensazione misteriosa
Loro ballano alle estremità dei loro fili argentei
Sono grandi quasi come degli umani
Sono come bambini con delle piaghe nella carne
Queste marionette sono così grottesche

Lo spettacolo è finito
Il Signore è salito sul Palco
Con i suoi Figli, il sipario deve calare
E tutte le marionette se ne sono… andate

Tags:, - 248 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .