The ritual – King Diamond

The ritual (Il rituale) è la traccia numero sei dell’undicesimo album di King Diamond, The Puppet Master, pubblicato il 21 ottobre del 2003.

Formazione King Diamond (2003)

  • King Diamond – voce, tastiere
  • Andy LaRocque – chitarra, tastiere
  • Mike Wead – chitarra
  • Hal Patino – basso
  • Matt Thompson – batteria
  • Livia Zita – voce addizionale

Traduzione The ritual – King Diamond

Testo tradotto di The ritual (Diamond, LaRocque) di King Diamond [Massacre]

The ritual

As I look into the eyes of Victoria
Enter the Puppet Master and his wife
I can’t speak…I’m in shock…

Human skulls, ancient books
A strange symbol on the wall,
black candles burning low

In the gloomy light, I see an altar in white
Oh, what is it for? It must be a ritual

In glass jars, up on shelves
I see liquid dark as Hell,
there’s one for every Puppet

I hear the Master’s voice,
magic words from
ancient times
I’m feeling strange inside
Oh…as if something
has taken my mind

In panic, I kick the shelf..
with all the jars
One of them falls from high above..
to the floor
Red!! Oh so Red…it’s blood
“How dare you disturb my work”?

Demon skull,
red as Blood
It’s in the symbol on the wall,
there’s something deadly wrong

I feel a sting in my eyes,
as they’re given eternal life
All because of the blood on the floor,
interrupted ritual

I hear the Master’s voice,
magic words
from ancient times
I’m feeling strange inside
Oh…as if something
has taken my mind

He lures away my soul,
from its shelter and into the cold
To him my soul is gold
Trading souls with this Demon
is something he knows
As well as Hell
Magic life.. is his return
Pain.. in my skin, sin…
I feel some kind of Magic…inside

Il rituale

Mentre guardo gli occhi di Victoria
Entrano il Signore dei Burattini e sua moglie
Non riesco a parlare… sono sotto shock…

Ci sono teschi umani, antichi libri
C’è uno strano simbolo sul muro,
e delle candele nere che bruciano lentamente

Nella fioca luce, vedo un altare bianco
Oh, a cosa serve? Deve essere un rituale

In delle brocche di vetro, su degli scaffali
Vedo un liquido nero come l’Inferno,
e ce n’è uno per ogni marionetta

Sento la voce del Signore,
pronuncia parole magiche
provenienti da un mondo antico
Mi sto sentendo strano
Oh… è come se qualcosa
avesse preso il possesso della mia mente

Nel panico, tiro un calcio allo scaffale…
pieno di brocche
E una di loro cade dall’alto…
sul pavimento
Rosso!! Oh, è così rosso… è sangue!!!
“Come osi disturbare il mio lavoro?”

Appare il teschio di un demone,
rosso come il sangue
Davanti al simbolo disegnato sul muro,
c’è qualche errore mortale

Sento una fitta negli occhi
mentre stanno ricevendo la vita eterna
Tutto perche del sangue sul pavimento
ha interrotto il rituale

Sento la voce del Signore,
pronuncia parole magiche
provenienti da un mondo antico
Mi sto sentendo strano
Oh… è come se qualcosa avesse
preso il possesso della mia mente

Lui attira a sé la mia anima
dal suo riparo e al freddo
Per lui la mia anima è oro
Scabiare anime con questo Demone,
credo sia qalcosa che conosce
Bene come conosce l’Inferno
È una vita Magica… sta ritornando
Dolore… nella mia pelle, peccato…
Sento una Magia… dentro di me

* traduzione inviata da Alberto

Tags: - 79 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .