The stranger – Ten

The stranger (Lo straniero) è la traccia che apre il quinto album in studio dei Ten, Babylon, pubblicato nel 2000.

Formazione Ten (2000)

  • Gary Hughes – voce
  • Vinny Burns – chitarra
  • John Halliwell – chitarra
  • Steve McKenna – basso
  • Greg Morgan – batteria
  • Don Airey – tastiere

Traduzione The stranger – Ten

Testo tradotto di The stranger (Hughes) dei Ten [Frontiers Records]

The stranger

Talk to me…
Talk to the stranger.
Talk to the stranger.

Tired of wasting precious time
praying for the rain
Rip away my innocence,
take away the pain
Everyday I fantasize,
sad enough but true
Dreaming of a better life,
outside the tomb…

Wizened,
the expressionless faces made of clay
Colour ground to monochrome,
dirty shades of Grey
Counting our tomorrows
like all our yesterdays
Carbon copies thrown around,
rewind, erase…

Talk to me now… talk to the stranger
Turn a shrouded face to the light
Burn beyond this place
to another world
Talk to me now… talk to the stranger
Talk to me now… talk to the stranger
Throw this isolation a line
Don’t deny this taste
of another, girl
Talk to me now…talk to the stranger

I could give her everything
if she has the key
She, who holds this beating heart,
tears it out of me
Patience is a lonely sound,
now it’s wearing thin
Losing my control
around this fire within…

Talk to me now… talk to the stranger
Turn a shrouded face to the light
Burn beyond this place
to another world
Talk to me now… talk to the stranger
Talk to me now… talk to the stranger
Throw this isolation a line
Don’t deny this taste
of another, girl
Talk to me now…talk to the stranger

Talk to the stranger.

Talk to me now… talk to the stranger
Turn a shrouded face to the light
Burn beyond this place
to another world
Talk to me now… talk to the stranger
Talk to me now… talk to the stranger
Throw this isolation a line
Don’t deny this taste
of another, girl
Talk to me now…talk to the stranger

Talk to me now…talk to the stranger
Throw this isolation a line
Don’t deny this taste
of another, girl
Talk to me now…talk to the stranger

Talk, talk, talk to the stranger.
Talk, talk, talk to the stranger.

Lo straniero

Rivolgimi la parola…
Parla con lo straniero.
Parla con lo straniero.

Stanco di perdere del tempo prezioso
pregando per la pioggia
Strappami di dosso la mia innocenza,
porta via con te il dolore
Ogni giorno fantastico,
abbastanza triste ma vero purtroppo
Sognando una vita migliore,
fuori da questa cripta…

Appassito,
i volti apatici erano plasmati d’argilla
I pigmenti si arenano nella monocromia,
inzaccherate sfumature di Grigio
Enumerando i nostri “domani”
come tutti i nostri “ieri”
Repliche di carbone seminate intorno,
riavvolgi, cancella…

Rivolgiti a me ora… Parla con lo straniero
Volgi un volto celato sotto la luce
Ardi oltre questo luogo
per raggiungere un altro creato
Rivolgiti a me ora… Parla con lo straniero
Rivolgiti a me ora… Parla con lo straniero
lancia una corda a questo isolamento
Non declinare quest’assaggio
di un’altra donna
Rivolgiti a me ora… Parla con lo straniero

Io potrei darle ogni cosa
se fosse in possesso della chiave
Lei, che stringe questo cuore pulsante,
me lo strappa via
La condiscendenza è un eco solitario,
ora si sta vestendo stretto
Perdendo il mio controllo
circondato da questo fuoco che arde in me…

Rivolgiti a me ora… Parla con lo straniero
Volgi un volto celato sotto la luce
Ardi oltre questo luogo
per raggiungere un altro creato
Rivolgiti a me ora… Parla con lo straniero
Rivolgiti a me ora… Parla con lo straniero
lancia una corda a questo isolamento
Non declinare quest’assaggio
di un’altra donna
Rivolgiti a me ora… Parla con lo straniero

Parla con lo straniero.

Rivolgiti a me ora… Parla con lo straniero
Volgi un volto celato sotto la luce
Ardi oltre questo luogo
per raggiungere un altro creato
Rivolgiti a me ora… Parla con lo straniero
Rivolgiti a me ora… Parla con lo straniero
lancia una corda a questo isolamento
Non declinare quest’assaggio
di un’altra donna
Rivolgiti a me ora… Parla con lo straniero

Rivolgiti a me ora… Parla con lo straniero
lancia una corda a questo isolamento
Non declinare quest’assaggio
di un’altra donna
Rivolgiti a me ora… Parla con lo straniero

Parla, parla, parla con lo straniero.
Parla, parla, parla con lo straniero.

* traduzione inviata da Stefano Quizz

Tags: - 105 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .