The wizard’s last rhymes – Rhapsody

The wizard’s last rhymes (Le ultime rime del mago) è la settima e ultima traccia del quarto album dei Rhapsody, Rain of a thousand flames, pubblicato il 19 dicembre del 2001.

Formazione Rhapsody (2001)

  • Fabio Lione – voce
  • Luca Turilli – chitarra
  • Alessandro Lotta – basso
  • Alex Holzwarth – batteria
  • Alessandro Staropoli – tastiere

Traduzione The wizard’s last rhymes – Rhapsody

Testo tradotto di The wizard’s last rhymes (Turilli, Staropoli) dei Rhapsody [Limb Music]

The wizard’s last rhymes

The aim of the serpent, the serpent’s creation
Reveals itself now through crystal spheres
He’s riding the waves
as a real conqueror
Colliding with ships, the ships of the kings
He owns… your sword!

The emerald weapon, the steel of the heroes
Flow the black tears of dark angels
Your blade is now serving the dark force
The evil source of the unborn
The truth is there… in his hands

Quando corpus morietur fac
ut animae donetur
Starless is my night,
silent is my ride
Through the paradox of wisdom
to the sea of souls
Nel silenzio tragiche realtà

Fire is blazing fast
across the bloody red sea
The sunlight is fading on him
These are the wizard’s last holy sights
The wizard’s last rhymes

We are reaching the brutal,
the tragic dimension
Led by reflections, reflections of death
The ghosts in the fog wander lamenting
While violence devours my wasted brain
Let me… awake!

The astral bewitchment is the fatal witness
Of created surge of chaos
I reflect the constellations’ fall
Now close your eyes and fight blind
The moon is dying, don’t fear his might

Quando corpus morietur
fac ut animae donetur
Starless is my night,
silent is my ride
Through the paradox of wisdom
to the sea of souls
Nel silenzio tragiche realtà

Fire is blazing fast
across the bloody red sea
The sunlight is fading on him
These are the wizard’s last holy sights
The poem’s tragic rhymes

Fierce blows the wind, infinite fires
On Elnor sea, hail to the king
He died as brave, oh valiant hero
But so in vain facing the storm…
the storm!

“…And soon the snakes of the abyss
swallowed the mighty woodships
while the waves of the bloody ocean
were reaching the walls of the falling town…”

My brothers’ limbs food
for those snakes
Their divine steel
deep under me… under me!

Quando corpus morietur
fac ut animae donetur
Starless is my night,
silent is my ride
Through the paradox of wisdom
to the sea of souls
Nel silenzio tragiche realtà

Fire is blazing fast
across the bloody red sea
The sunlight is fading on him
These are the wizard’s last holy sights
The poem’s tragic rhymes

Nel silenzio tragiche realtà

Fire is blazing fast
across the bloody red sea
The sunlight is fading on him
These are the wizard’s last holy sights
The poem’s tragic rhymes

Le ultime rime del mago

L’obbiettivo del serpente, la sua creazione
Si rivelano adesso attraverso sfere di cristallo
Egli sta cavalcando le onde
come un vero conquistatore
Scontrandosi con le navi, le navi dei re
Egli possiede… la tua spada!

L’arma di smeraldo, la spada degli eroi
Scorrono le nere lacrime di angeli oscuri
La tua lama adesso serve la forza oscura
La malvagia sorgente di coloro che non nacquero
La verità e lì… nelle sue mani

Quando il corpo morirà fai sì
che l’anima sia graziata
La mia notte è senza stelle,
la mia cavalcata silenziosa
Attraverso il paradosso della saggezza
fino al mare delle anime
Nel silenzio tragiche realtà

Il fuoco avvampa veloce
attraverso il rosso mare di sangue
La luce del sole sta svanendo su di lui
Queste sono le ultime sacre visioni del mago
Le ultime rime del mago

Stiamo per raggiungere la brutale,
tragica dimensione
Guidati da riflessi, riflessi di morte
I fantasmi nella nebbia vagano e si lamentano
Mentre la violenza divora la mia mente devastata
Lasciate… che mi risvegli!

L’astrale incantamento è il testimone fatale
Della creata fonte del caos
Io rispecchio la caduta delle costellazioni
Adesso chiudi gli occhi e combatti alla cieca
La luna sta morendo, non temere la sua forza

Quando il corpo morirà fai sì
che l’anima sia graziata
La mia notte è senza stelle,
la mia cavalcata silenziosa
Attraverso il paradosso della saggezza
fino al mare delle anime
Nel silenzio tragiche realtà

Il fuoco avvampa veloce
attraverso il rosso mare di sangue
La luce del sole sta svanendo su di lui
Queste sono le ultime sacre visioni del mago
Le ultime tragiche rime del poema

Fiero soffia il vento, fuochi infiniti
Sul mare di Elnor, lode al re
È morto coraggiosamente, oh eroe valoroso
Ma così invano affrontando la tempesta…
la tempesta!

“…E presto i serpenti dell’abisso
inghiottirono le possenti navi di legno
mentre le onde dell’oceano insanguinato
raggiungevano le mura della città cadente…”

Le membra dei miei fratelli cibo
per quei serpenti
Il loro acciaio divino
sprofondato sotto di me… sotto di me!

Quando il corpo morirà
fai sì che l’anima sia graziata
La mia notte è senza stelle,
la mia cavalcata silenziosa
Attraverso il paradosso della saggezza
fino al mare delle anime
Nel silenzio tragiche realtà

Il fuoco avvampa veloce
attraverso il rosso mare di sangue
La luce del sole sta svanendo su di lui
Queste sono le ultime sacre visioni del mago
Le ultime tragiche rime del poema

Nel silenzio tragiche realtà

Il fuoco avvampa veloce
attraverso il rosso mare di sangue
La luce del sole sta svanendo su di lui
Queste sono le ultime sacre visioni del mago
Le ultime tragiche rime del poema

Tags: - 223 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .