Thy kingdom come – Virgin Steele

Thy kingdom come (L’arrivo del tuo regno) è la traccia numero tre del terzo album dei Virgin Steele, Noble Savage, pubblicato nel 1986.

Formazione Virgin Steele (1986)

  • David DeFeis – voce, tastiere
  • Ed Pursino – chitarra
  • Joe O’Reilly – basso
  • Joey Ayvazian – batteria

Traduzione Thy kingdom come – Virgin Steele

Testo tradotto di Thy kingdom come (DeFeis) dei Virgin Steele [Noise]

Thy kingdom come

Never say never
Keep both your eyes on the flame
The power that lies within you
Comes forth once again

Onward through darkness
Envisions the diamonds beyond
Through burning, deceit and cooruption
The dream still lives on

And you’re standing there
Raise your hands
Split the air- tonight!

Action call to arms
I’m fighting for eternity
For honour, for grace and for glory
Immortality
Layer by layer
By mortar, by rampart, by stone
A fortress, a haven for love
I can call my own

And you’re standinbg there…
Raise your hands
Split the air…
And dream for tomorrow
Take my hand, we’ll be free
Ancient kingdoms in the sunset
In the darkness of our years
Never fade

And you’re standing there…
Raise your hands
Split the air…
And dream for tomorrow
Take my hands, cross the sea
Raibow castles in the distance
Emerald sands beckon me

Come to me, come to me
Heed the voice that is calling
Come to me, come to me
For thy kingdom
Awaits your crowning
Come to me…

L’arrivo del tuo regno

Mai dire mai
Tieni sempre d’occhio la fiamma
Tutto il potere che si nasconde dentro di te
Verrà liberato di nuovo

Ti dirigi nell’oscurità
I diamanti che risplendono sono come una visione
In mezzo a rovine, tradimenti e corruzione
il sogno continua a vivere

E tu sei lì
Alza le mani al cielo
E fendi l’aria – stanotte!

Sento la chiamata alle armi
Combatto per l’eternità
Per l’onore, per la grazia e per la gloria
Otterrò l’immortalità
Poco a poco
Con malta, legno e pietre
Costruirò una fortezza, un rifugio per l’amore
Che potrò chiamare mia

E tu sei lì
Alza le mani al cielo
Fendi l’aria…
E sogna il domani
Dammi la mano e saremo liberi
Degli antichi regni si nascondono nel tramonto
E, nonostante l’oscurità di questi anni,
Non svaniranno mai

E tu sei lì
Alza le mani al cielo
Fendi l’aria…
E sogna il domani
Dammi la mano, attraversa il mare
All’orizzonte, sugli arcobaleni, ci sono dei castelli
Le sabbie di smeraldo mi aspettano

Vieni da me, vieni da me
Ascolta la voce che ti sta chiamando
Vieni da me, vieni da me
Perché il tuo regno
Aspetta il suo re
Vieni da me…

Tags: - 142 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .