To the wall – Sepultura

To the wall (Contro il muro) è la traccia numero tre del terzo album dei Sepultura, Schizophrenia, pubblicato il 30 ottobre del 1987.

Formazione Sepultura (1987)

  • Max Cavalera – voce, chitarra
  • Andreas Kisser – chitarra
  • Paulo Jr. – basso
  • Igor Cavalera – batteria

Traduzione To the wall – Sepultura

Testo tradotto di To the wall (Kisser, M.Cavalera) dei Sepultura [Roadrunner]

To the wall

To the walli claims the soldier
My last steps march to the dead
Last wills! Hell! This is idiotism
Fuck off to me, fuck off to all of you

To the death I raise my head
My last moments
it’s my existing countdown
A cry for mercy trapped in my throat
But even in hell there’s a place for cowards

The burning sun over my head
The troop is comin’
compassion I dismiss
Sentence of death pounding on my back
There’s no hiding
when you’re thrown against the wall

To paradise, the priest is saying…
blessing my death
He’s standing in front of me…
his merciful sight sickens me
He says that soon I’ll have my judgement…
I’ll kneel down in front of the Lord

And he asks me to regret my sins..
but it’s too late
Growling words from the bible…
raising my agony
Oh God!… how I’d like to have my hands untied

The wall I’m facing now
Seeing my life going
through my eyes
Feeling death behind my back
An acrid taste of defeat
tormenting my last years

And when I feel my body being…
Punched… Smashed
There’s no pain… just silence
My last breath echoing…
spreading through the air
My body in pieces.. a stream of blood…

Bloody drops whipping the wall
The silent wall that has understood my silence
The silence that was a prisoner of my soul
Is my soul that now is the ruler of the world
To the wall

Contro il muro

Contro il muro, intima il soldato
I miei ultimi passi avanzano verso la morte
Ultime volonta! All’inferno! questa è un idiozia
Vaffanculo a me, vaffanculo a tutti voi

Contro la morte alzo la testa
I miei ultimi momenti
È il mio attuale conto alla rovescia
un’implorazione di pietà intrappolata nella gola
Ma anche all’inferno c’è un posto per i codardi

Il sole cocente sopra la mia testa
la truppa sta arrivando
Allontano la compassione
La condanna a morte aleggia su di me
Non c’è posto dove nascondersi
quando vieni gettato contro il muro

In paradiso il prete sta dicendo…
Benedice la mia morte
in piedi di fronte a me…
La sua vista misericordiosa mi nausea
Dice che presto avrò il mio giudizio…
Mi inginerocchierò davanti al Signore

E mi chiede di pentirmi dei miei peccati…
Ma è troppo tardi
Parole che escono dalla Bibbia…
Accrescendo la mia agonia
Oh dio!… come vorrei avere le mani slegate

Il muro che ho ora di fronte
Mentre vedo la mia vita
passare davanti agli occhi
Sentendo la morte dietro la schiena
Un acre gusto di sconfitta
che tormenta i miei ultimi anni

E quando sento il mio corpo venire…
Colpito… Schiacciato
Non c’è dolore… Solo silenzio
il mio ultimo respiro echeggia…
Diffondendosi nell’aria
Il mio corpo in pezzi… un rivolo di sangue

Gocce di sangue schizzano sul muro
Il muro silenzioso che ha compreso il mio silenzio
Il silenzio che era proigioniero dell’anima
È la mia anima che ora dominerà il mondo
Contro il muro.

Tags: - 155 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .