Babylon – Edguy

Babylon (Babilonia) è la traccia che apre, dopo l’intro The healing vision, il quarto album degli Edguy, Theater of Salvation, pubblicato il 27 gennaio del 1999.

Formazione Edguy (1999)

  • Tobias Sammet – voce, tastiera
  • Jens Ludwig – chitarra
  • Dirk Sauer – chitarra
  • Tobias ‘Eggi’ Exxel – basso
  • Felix Bohnke – batteria

Traduzione The healing vision – Savatage

Testo tradotto di The healing vision (Sammet) degli Edguy [AFM Records]

The healing vision

Lord of fate,
I feel you deep
inside my brain…
Is it really just a dream
or the urge to survive?

(…and during an odyssey
through the back of my mind
a vision appeared
to make me realize
who holds the key to my fate…)

La visione salvifica

Signore del fato,
percepisco la tua presenza
nei remoti angoli del mio genio…
Ѐ esso in realtà solamente un sogno
o la brama di sopravvivenza?

(… e nel corso d’un’odissea
tra i recessi della mia mente
giunse in epifania una visione,
atta a farmi comprender che stringe
tra le proprie grinfie la chiave del mio fato…)

Traduzione Babylon – Edguy

Testo tradotto di Babylon (Sammet) degli Edguy [AFM Records]

Babylon

In a world of hate pollution
we can’t breathe anymore.
We’ve to leave and this time you,
the pawn, have won.
On our quest for nowhere island
we set off to the sea.
You call surrender what we call
a calm before the storm…

Pounding thoughts of home they make me know:
“I will return! I don’t live my life for you,
it’s too short to get burned.
Stand upright and face the wind!”

Time to go back where I belong…
No one can prevend me from
raising towers in Babylon.

You only can love me if you can convert me
to attitudes of your brain.
You blame us for doing things
that you don’t know.
You tell me what you’d do
if you were me but you are you and I am I
Lucky you, but this time I say: “No!”

Pounding thoughts of home they make me know:
“I will return!”.
I don’t want to hurt you but you’ll have to learn:
You are you and I am I!!!

Time to go back where I belong…
No one can prevend me from
raising towers in Babylon.

Babilonia

In un mondo inquinato dall’odio
Non possiamo più respirare
Dobbiamo andarcene e stavolta, tu,
Il burattino, hai vinto
Nella nostra ricerca dell’isola che non c’è
Dobbiamo partire per il mare
Chiami resa ciò che noi definiamo
la calma prima della tempesta

Assillanti pensieri di casa mi fanno dire:
“Ritornerò! Non vivo la mia vita per te
È troppo corta per venir bruciata
Stà dritto in piedi e fronteggia il vento!”

È tempo di tornare al posto a cui appartengo
Nessuno potrà impedirmi di vedere
le svettanti torri di Babilonia

Tu puoi amarmi solo se mi puoi convertire
al tuo modo di pensare
Ci biasimi per aver fatto cose
che non conosci,
dimmi tu che cosa avresti fatto
Se tu fossi stato me, ma tu sei tu ed io sono io
Per fortuna, ma questa volta devo dirti ‘No!’

Assillanti pensieri di casa mi fanno dire
“Ritornerò!”
Non voglio ferirti ma devi imparare che
tu sei tu ed io sono io!

È tempo di tornare al posto a cui appartengo
Nessuno potrà impedirmi di vedere
le svettanti torri di Babilonia

Tags:, - 559 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .