Homeland – Europe

Homeland (Patria) è la traccia numero nove del quinto album degli Europe, Prisoner in paradise pubblicato il 23 settembre del 1991.

Formazione Europe (1991)

  • Joey Tempest – voce
  • Kee Marcello – chitarre
  • John Levén – basso
  • Ian Haugland – batteria
  • Mic Michaeli – tastiere

Traduzione Homeland – Europe

La traduzione del testo di Homeland (Tempest, Michaeli, Marcello) degli Europe [Epic]

Homeland

Remember that summer
Down by the shoreline
I still can hear those old
Forgotten songs
And we made promises
To last forever
I just can’t believe those
Days are gone

There used to be a place
That we could call our own
We used to think tomorrow
Was a long, long time
But sadness filled my heart
When I knew the moment had come
When I had to leave those days behind

I felt so free
Where I wanted to be
The days went so fast
How I wish they could last

So far from my homeland
I’m lost in time
My soul’s still searchin’
For that peace of mind
Those sacred landscapes
Come miles around
And my heart’s still beatin’
For those country grounds

Remember when our hearts
Were filled with laughter
It echoes in my trail
Of fallen tears
But no matter where I am today
Or what the future might bring
I will remember those
Long gone years

I can’t let go
I wanna know
Does it have to end
For the best of friends

So far from my homeland
I’m lost in time
My soul’s still searchin’
For that peace of mind
Those sacred landscapes
Come miles around
And my heart’s still beatin’
For those country grounds

Lord I know
That those days are gone
Long, long, gone
I felt so free
Where I wanted to be
The days went so fast
How I wish they could last

Patria

Ricordi quell’estate
giù vicino al bagnasciuga
Posso ancora sentire quelle vecchie
canzoni dimenticate
e abbiamo fatto delle promesse
che durassero in eterno
Non riesco a credere che
quei giorni sono finiti

C’era un posto
che potevamo considerare nostro
Eravamo soliti pensare al domani
è stato un lungo, lungo tempo
ma la tristezza ha riempito il mio cuore
quando ho saputo che era giungo il momento
quando ho dovuto lasciare quei giorni alle spalle

Mi sentivo così libero
dove volevo essere
Quei giorni sono passati così velocemente
Come vorrei durassero per sempre

Così lontano dalla terra natia
Mi sono perso nel tempo
La mia anima sta ancora cercando
la pace interiore
Quei sacri panorami
distanti chilometri
e il mio cuore sta ancora battendo
per quelle terre

Ricordi quando i nostri cuori
erano pieni di gioia
Sul mio cammino riechieggiano
le lacrime cadute
ma non importa dove sono oggi
o cosa potrà portare il futuro
Io ricorderè quei
lunghi anni passati

Non posso lasciar andare
Voglio sapere
ci sarà una fine
per il migliore degli amici

Così lontano dalla terra natia
Mi sono perso nel tempo
La mia anima sta ancora cercando
la pace interiore
Quei sacri panorami
distanti chilometri
e il mio cuore sta ancora battendo
per quelle terre

Signore, lo so
che quei giorni sono passati
Molto, molto tempo è passato
Mi sentivo coì libero
dove volevo essere
Quei giorni sono passati così velocemente
Come vorrei durassero per sempre

Tags:, - 521 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .