Welcome home – King Diamond

Welcome home (Bentornata a casa) è la traccia che dopo l’intro Out from the asylum (Fuori dal manicomio) apre il terzo album di King Diamond (al secolo Kim Bendix Petersen), Them, pubblicato il 13 settembre del 1988. L’album parla di un ragazzino, King e delle vicissitudini che accompagnano il ritorno della malvagia nonna a casa dopo un periodo di assenza a causa di un ricovero per problemi mentali.

Formazione (1988)

  • King Diamond – voce, tastiere
  • Andy LaRocque – chitarra
  • Pete Blakk – chitarra
  • Hal Patino – basso
  • Mikkey Dee – batteria

Sto morendo di paura. 9 anni fa, finalmente, mi hanno lasciato uscire, e stavo solamente iniziando a sentirmi meglio. Non sono più me stesso. Scommetto che non riconoscereste nemmeno la mia faccia se mi vedeste adesso. Quella telefonata 2 ore fa mi ha distrutto. Era la nonna. Mi ha invitato alla vecchia casa. Non voglio tornare là, ma devo farlo. Forse capirete il perché della mia paura se vi racconterò
cosa è successo durante la mia infanzia. 18 anni fa vivevo con mia mamma e mia sorella Missy nella vecchia casa della nonna. Mi era stato detto che la nonna se ne era andata a fare una lunga vacanza, e che sarebbe presto tornata. E così fu. Più tardi, scoprii che in realtà era stata rilasciata dal mio stesso manicomio. “È pazza”, dissero i dottori, quando la sentirono balbettare parlando di “Loro”. Non riesco ancora a capire chi abbia veramente staccato la testa del nonno dalle sue spalle. Sapete, “Loro” sono sempre stati molto gentili con me. Comunque, il tempo è poco e devo andare nella vecchia casa. Quindi ecco cos’è successo 18 anni fa. E, se non ci dovessimo mai più rivedere, almeno saprete il perché. Credo che prenderemo un tè. K.D. 3-12-87

Traduzione Out from the asylum – King Diamond

Testo tradotto di Out from the asylum (Diamond) di King Diamond [Roadrunner]

Il brano si apre con King che parla, osservando dalla finestra della casa la nonna che ritorna dalla sua “vacanza”. King la chiama una vecchia puttana, forse perché non ha mai tenuto molta considerazione di lui a causa della pazzia. La seconda frase che sentiamo, invece, è pronunciata dalla mamma di King. La mamma dice ricorda a Missy e a King di fare i bravi e dice a King di aprire la porta…

Out from the asylum

Look, the old bitch is back – yeah,
finally we’ll get some company again
the attic room has been
locked up for far too long – just like the
old bitch herself – she’s on time
though – why that silly wheelchair?
Oh she’s pretending as always – but
she does make a good cup of tea.

“Oh My God she’s here. Missy, listen
to what Mother says: Now You be
good to Grandma; and remember
she’s been away on a long vacation.
That goes for You too King. And stop
playing that thing. Answer the door”

Fuori dal manicomio

Guarda un po’, la vecchia puttana è tornata!
Finalmente avremo di nuovo un po’ di compagnia
La stanza dell’attico è stata
chiusa per troppo tempo, proprio come
quella vecchia puttana… è in orario, però.
Perché è su quella stupida sedia a rotelle?
Oh, sta facendo finta come sempre… però
è molto brava a fare il tè.

“Oh mio Dio, è arrivata. Missy, ascolta
cosa dice la mamma: comportati bene con
la nonna; e ricorda che ha
fatto una lunga vacanza
Lo stesso vale anche per te King. E smettila
di suonare quel coso, rispondi alla porta.”

Traduzione Welcome home – King Diamond

Testo tradotto di Welcome home (Diamond) di King Diamond [Roadrunner]

King apre la porta, e si trova davanti la nonna sulla sedia a rotelle. King le dà il benvenuto normalmente, la aiuta a scendere dalla sedia a rotelle e la abbraccia, come fa normalmente un nipote fa con una nonna. Però succede qualcosa di strano… prima di tutto, quando King le dice che Missy e la Mamma la stanno aspettando, la nonna non risponde, e quando King chiede alla nonna come sono state le vacanze (infatti King non sa ancora della pazzia dell’anziana donna), la nonna gli risponde parlando di “LORO”…

Welcome home

Grandma’ welcome home…
You have been gone for far too long
Is this a dream, are You really back?

Let me help You out of the chair…
Grandma’
Let me touch You, let me feel… Ah

Grandma’ take a look
What do You think of the house and
the silvery moon?
We are going to repaint the front door soon

Let me help You out of the chair…
Grandma’
Let me touch You, let me feel… Ah

Wait till You see your room up in the attic
Prepared just like You said,
without a bed
You will find Your rocking chair and
the tea pot that Missy found

Let me help You out of the chair…
Grandma’
There is someone waiting for You,
now come along

Missy and Mother,
they are dying to meet You
How strange… she’s spoken no word…
I wonder Grandma’! Are You all right?

Grandma’ what was it like
to be on that holiday site
“Oh it could have been worse but
with “Them” by my side
In the twilight “They”
sang all the old lullabies”
Grandma’ who are “They”…
“never mind You
dirty little brat”

“Let us go inside, something’s on
“Their” mind
“They” are still alive,
Can You feel “Their” eyes?
Now that You are stuck with me
You better be my friend.

Bentornata a casa

Bentornata a casa, nonna…
sei stata via per troppo tempo
È un sogno o sei tornata davvero?

Lascia che ti aiuti a scendere dalla sedia…
Nonna
Lascia che ti tocchi, fammi sentire… ahhh

Nonna, guarda
Cosa ne pensi della casa e
della luna argentea?
Presto ridipingeremo la porta principale

Lascia che ti aiuti a scendere dalla sedia…
Nonna
Lascia che ti tocchi, fammi sentire… ahhh

Aspetta di vedere la tua stanza nell’attico
L’abbiamo preparata come hai detto,
senza il letto
troverai la tua sedia a dondolo e
la teiera che Missy ha trovato

Lascia che ti aiuti a scendere dalla sedia…
nonna
C’è qualcuno che ti sta aspettando,
vieni con me

Missy e la Mamma
stanno morendo dalla voglia di vederti
Che strano… non ha detto niente…
Mi chiedo… Nonna? Stai bene?

Nonna, come
si stava in vacanza?
“Oh, avrebbe potuto essere peggio, ma
avevo “Loro” insieme a me
Al tramonto, “Loro”
mi cantavano tutte le vecchie ninne nanne”
Nonna, chi sono “Loro”?…
“Non chiedermelo mai,
sporco piccolo teppistello!”

“Lasciaci entrare, c’è qualcosa nella
“Loro” mente…
“Loro” sono ancora vivi, riesci a vedere
i “Loro” occhi?
Adesso che vivrai qua con me, f
aresti meglio ad essere mio amico!”

Tags: - 471 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .