Wish I were born in Beverly Hills – Alice Cooper

Wish I were born in Beverly Hills (Vorrei essere nato a Beverly Hills) è la traccia numero due dell’undicesimo album di Alice Cooper, From the inside, pubblicato il 17 novembre del 1978.

Formazione (1978)

  • Alice Cooper – voce
  • Dick Wagner – chitarra
  • Rick Nielsen – chitarra
  • David Foster – tastiere

Traduzione Wish I were born in Beverly Hills – Alice Cooper

Testo tradotto di Wish I were born in Beverly Hills (Cooper, Wagner, Taupin) di Alice Cooper [Warner Bros]

Wish I were born in Beverly Hills

She looked so sleek and sassy
Rolling down Rodeo Drive
She got her daddy’s black Corniche
And her tennis pro by her side

And she wants her mother’s lover
To exercise her skill
And if she don’t score him fast
She knows that her brother will

Oh I wish I were born in Beverly Hills
I swear I couldn’t drink half
as much as she spills
I want to live it up get
my kicks and thrills
Be a gigolo lover and send her the bills

She says that she’s an actress
Just never got a part
Now she’s a teenage mess
With a burned out Gucci heart

She cracked one day at Cartier
When things came to a head
They put her trinkets away
And wrapped her up instead

Oh I wish I were born in Beverly Hills
I swear I couldn’t drink half
as much as she spills
I want to live it up get
my kicks and thrills
Be a gigolo lover and send her the bills

She bit like a dog
and she screamed like hell
“You ain’t taking me to no padded cell
You better take all your hands off
my high priced tail”

Oh I wish I were born in Beverly Hills
I swear I couldn’t drink half
as much as she spills
I want to live it up get
my kicks and thrills
Be a gigolo lover and send her the bills

Vorrei essere nato a Beverly Hills

Sembrava così elegante e impertinente
Guidando verso Rodeo Drive
Aveva la Corniche nera di papà
Ed il suo insegnante di tennis al suo fianco

E lei voleva l’amante della mamma
Per esercitare la sua abilità
E se lei non faceva punto in fretta
Sapeva che lo farà suo fratello

Oh vorrei essere nato a Beverly Hills
Giuro che non potrei bere metà
tanto quanto mi versava
Voglio vivere finchè
avrò il mio piacere e i miei brividi
Essere un amante dei gigolò e mandarle i conti

Disse che era un’attrice
Ma senza avere una parte
Ora è uno sbaglio adolescenziale
Con un cuore Gucci bruciato

Ha rotto alla Cartier un giorno
Quando le cose venirono a mente
Ha dato via i suoi gingilli
Invece si era avvolta

Oh vorrei essere nato a Beverly Hills
Giuro che non potrei bere metà
tanto quanto mi versava
Voglio vivere finchè
avrò il mio piacere e i miei brividi
Essere un amante dei gigolò e mandarle i conti

Mi morse come un cane
ed urlava come se fosse all’inferno
“Non puoi portarmi in nessuna cella imbottita
É meglio che togli le tue mani
dalla mia costosa coda”

Oh vorrei essere nato a Beverly Hills
Giuro che non potrei bere metà
tanto quanto mi versava
Voglio vivere finchè
avrò il mio piacere e i miei brividi
Essere un amante dei gigolò e mandarle i conti

* traduzione inviata da El Dalla

Tags: - 70 visite

Commenta o correggi un errore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I diritti d'autore del materiale contenuto nel sito appartengono ai diretti proprietari. Il sito è amatoriale e assolutamente non a scopo di lucro. I testi sono stati tradotti per puro scopo didattico (comprensione del testo). Canzoni metal consiglia per la visualizzazione del sito di utilizzare Firefox o Chrome. .